UNIONE EUROPEA. Niente fondi a Polonia e Ungheria

128

La Corte di giustizia dell’Unione europea il 16 febbraio ha autorizzato il taglio di miliardi di euro di fondi a Polonia e Ungheria, i cui governanti populisti sono accusati dal blocco di violare i diritti democratici.

Non c’è appello contro la sentenza della Corte di giustizia europea di Lussemburgo, che ha respinto le richieste di Varsavia e Budapest contro una nuova sanzione dell’Ue che fermerebbe i finanziamenti ai paesi membri che violano le leggi europee. «Le sentenze di oggi confermano che siamo sulla strada giusta», ha detto il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, annunciando che l’esecutivo Ue con sede a Bruxelles avrebbe deciso come agire nelle prossime settimane, riporta Reuters.

In gioco ci sono centinaia di miliardi di euro di fondi, la coesione interna dell’Ue e la sua posizione internazionale. L’Ungheria e la Polonia sono state a lungo grandi beneficiarie dei fondi dell’Ue, che il blocco ha versato nei paesi ex comunisti per aiutare a sviluppare le loro economie da quando hanno aderito nel 2004.

L’Ue dice che per ricevere questi benefici, i paesi devono sostenere gli standard europei comuni, che Varsavia e Budapest hanno violato imponendo il controllo politico sul sistema giudiziario e sui media, e limitando i diritti civili. Le controversie minacciano di seminare discordia nell’Ue sul suo fianco orientale, dove mira a proiettare unità politica in risposta alla Russia che ammassa forze vicino all’Ucraina.

La decisione potrebbe anche avere un impatto politico immediato, in particolare in Ungheria, dove le elezioni nazionali del 3 aprile dovrebbero vedere una corsa serrata per il primo Ministro Viktor Orban dalla sua vittoria schiacciante nel 2010.

Il partito Fidesz ha detto che la sentenza è una “vendetta politica” contro l’Ungheria, intesa ad aiutare l’opposizione unita. Il premier polacco Mateusz Morawiecki ha detto che «la Polonia crede che la centralizzazione, la centralizzazione burocratica, la federalizzazione… sia un processo pericoloso». Il suo ministro della Giustizia, Judith Varga, ha detto che Bruxelles sta abusando dei suoi poteri contro gli stati membri nazionali.

L’Unione ha già congelato fondi per il recupero della pandemia per 36 miliardi di euro dalla Polonia e 7 miliardi di euro dall’Ungheria. Il cosiddetto “meccanismo di condizionalità” potrebbe ora colpire qualsiasi parte del bilancio dell’Ue, del valore di 1,8 trilioni di euro per il 2021-27.

La Polonia, con 38 milioni di persone, ha diritto a più di 75 miliardi di euro fino al 2027, anche per il clima, la digitalizzazione e la salute pubblica. L’Ungheria ha una popolazione di circa un quarto delle dimensioni, ma ha ricevuto una quota ancora maggiore della spesa UE pro capite.

«L’Ungheria e la Polonia hanno fatto rapidamente marcia indietro sulla libertà dei media, l’indipendenza dei giudici, il diritto di protestare invece di cercare di opporsi al fatto che i fondi dell’UE siano condizionati al rispetto dello stato di diritto, dovrebbero rispettare i diritti delle persone e ripulirsi», ha detto Amnesty International.

I funzionari dell’Ue hanno detto che il blocco potrebbe muoversi prima sull’Ungheria, mentre il commercio politico ritarderebbe probabilmente una decisione di trattenere i fondi almeno fino alla fine di quest’anno. La Polonia e l’Ungheria hanno minacciato di vendicarsi bloccando altre decisioni dell’Unione che richiedono l’unanimità, anche sul clima e l’energia, così come la politica estera.

Lucia Giannini