VENEZUELA. I dirigenti CITGO in carcere chiedono aiuto a Washington

81

Sei dirigenti di Citgo Petroleum, detenuti preventivamente in una prigione venezuelana da più di un anno, hanno chiesto al Dipartimento di Stato americano di aiutarli a vincere la loro causa, hanno detto i membri della famiglia e gli avvocati. 

Stando a Reuters, Jose Luis Zambrano, Alirio Zambrano, Jorge Toledo, Tomeu Vadell e Gustavo Cardenas, tutti gli ex vice presidenti della società con sede a Houston e la maggior parte di loro cittadini statunitensi, insieme all’ex presidente del Citgo Jose Pereira sono stati arrestati nel novembre 2017 dopo essere stati convocati in una riunione presso l’ufficio di Caracas della società madre Petróleos de Venezuela, S.A., Pdvsa.

I dirigenti sono stati accusati di appropriazione indebita, in quanto funzionari pubblici che agiscono di concerto con un imprenditore, riciclaggio di denaro sporco e cospirazione in relazione a un accordo mai concluso per rifinanziare il debito di Citgo. Ad oggi, non si è ancora tenuta un’udienza preliminare. «Li hanno privati di un giusto processo e del loro diritto a un processo rapido», ha detto un gruppo di 13 familiari e avvocati in una lettera aperta al governo degli Stati Uniti; «L’intervento del governo americano potrebbe essere la nostra unica possibilità di liberare i sei detenuti».

Hanno detto di aver contattato il Dipartimento di Stato americano, diversi senatori e membri del Congresso prima di ricorrere ai media. Il governo degli Stati Uniti non ha fornito alcuna indicazione chiara dei progressi sui casi, hanno detto.

Il Dipartimento di Stato ha detto di non essere stato in grado di commentare lo stato dei privati cittadini americani: «Continuiamo a lavorare a stretto contatto con i partner internazionali per garantire la sicurezza dei cittadini americani in Venezuela», ha detto in un’e-mail. L’appello è emerso nella battaglia sul destino di Citgo tra il governo socialista di Nicolas Maduro e l’opposizione guidata dal presidente del Congresso Juan Guaido, scatenata dal sostegno degli Stati Uniti all’opposizione. Guaido ha detto di voler nominare un nuovo consiglio di amministrazione della società, ora nelle mani di funzionari nominati da Maduro.

Gli avvocati dei dirigenti hanno documenti che mostrano che i negoziati di rifinanziamento del debito sono stati approvati dal consiglio di amministrazione della Pdvsa; Reuters riporta un documento Pdvsa in base al quale il consiglio di amministrazione nel giugno 2017 ha approvato l’inizio delle trattative con Apollo Global Management Llc e la sua unità Frontier Management Group. L’accordo non è mai stato firmato. Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti nell’agosto 2017 hanno bloccato qualsiasi accordo.

Luigi Medici