VENEZUELA. Caracas entra nello scacchiere mediorientale con Teheran

588

Il ministro degli Esteri venezuelano, Jorge Alberto Arreaza Montserrat, ha elogiato le politiche regionali dell’Iran e ha espresso il sostegno del suo paese al ruolo costruttivo di Teheran in Medio Oriente.

«Il Venezuela sta cercando vari modi, tra cui consultazioni con i governi, per allentare le tensioni nella regione mediorientale; assicuro il sostegno del mio paese, all’Iran e ad altri paesi, per il mantenimento della pace nella regione», ha dichiarato Arreaza Montserrat, in un incontro con l’ambasciatore iraniano a Caracas Mostafa Alayee, riporta Fars.

Alayee, da parte sua, ha sottolineato gli sforzi compiuti dagli Stati Uniti, dall’Arabia Saudita e da Israele per destabilizzare Iraq, Siria, Yemen e Libano, e ha dichiarato: «I sauditi sono ora arrabbiati e più aggressivi nei confronti dell’Iran e delle forze di resistenza, perché le loro trame sono state sventate». L’ambasciatore iraniano ha anche detto che i recenti negoziati tripartiti Iran, Russia e Turchia a Sochi il 22 novembre sono riusciti a garantire la pace in Siria. Caracas, quindi, prosegue la sua partita a scacchi con Washington, allargando il suo raggio d’azione, dopo aver messo un suo uomo di fiducia alla guida della statunitense CITGO, contrattaccando all’offensiva economica statunitense. 

All’inizio di settembre le delegazioni iraniana e venezuelana, in una riunione tenutasi a Teheran, hanno sottolineato la necessità di sviluppare la cooperazione reciproca in diversi settori. Durante l’incontro nella capitale iraniana, alti funzionari del settore pubblico e privato di entrambi i paesi hanno discusso come rafforzare la cooperazione reciproca, specialmente in campo economico e commerciale. Le due delegazioni si sono concentrate sul meccanismo per sviluppare la cooperazione economica e commerciale tra Iran e Venezuela.

Inoltre, la Marina iraniana ha annunciato il dispiegamento di diverse navi da guerra in America Latina e nel Golfo del Messico, riporta Telesur.

Il Comandante della Marina Militare iraniana, Contrammiraglio Hossein Khanzadi, ha dichiarato che la marina dispiegherà le sue navi attraverso l’Oceano Atlantico dove poi visiteranno i paesi amici in Sudamerica prima di alzare la bandiera iraniana nel Golfo del Messico, in prossimità degli Stati Uniti: «La nostra flotta di navi da guerra sarà inviata nell’Oceano Atlantico nel prossimo futuro e visiterà gli stati amici in Sudamerica». I funzionari iraniani hanno sottolineato che queste operazioni navali saranno pacifiche.

Graziella Giangiulio