Usa vietati alla popstar che piace a Putin

55

RUSSIA – Mosca 08/11/2013. Il ministero degli Esteri russo ha detto che la decisione di Washington di non far entrare nel paese il pop singer russo Grigory Leps, perché inserito sulla lista nera del Tesoro degli Stati Uniti, viola il principio di non colpevolezza.

A Leps, il cui modo di cantare ricorda l’italiano Fausto Leali, è stato impedito di viaggiare negli Stati Uniti, e gli sono stati congelati anche tutti i beni. Il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto che Mosca è perplessa della decisione degli Stati Uniti, e chiederà spiegazioni.  «Il ministero degli Esteri russo crede fermamente che la questione della colpevolezza o dell’innocenza dei cittadini russi dovrebbe essere decisa nel nostro paese nell’ambito del sistema giudiziario russo», si legge in un comunicato «Troviamo inaccettabile che lo facciano gli Stati Uniti, violando il principio fondamentale della presunzione di innocenza. Non lo accetteremo». Peskov ha poi sottolineato che il signor Leps, secondo Peskov il cantante preferito del presidente Putin, è un cittadino russo, «e proteggere quindi i suoi interessi, e gli interessi di ogni cittadino russo, è molto importante per noi (…) Ovviamente, ci aspettiamo di ricevere informazioni più dettagliate in merito alle ragioni di un tale passo da parte del governo degli Stati Uniti», ha poi aggiunto Peskov. 

Il Tesoro degli Stati Uniti ha messo il popolare cantante nella lista nera perché sta indagando su una organizzazione criminale chiamata “Circolo dei fratelli”. L’organizzazione opera in Europa, Asia centrale, America Latina, e Leps, il cui vero nome è Grigorij Lepsveridze, è stato messo sulla lista nera insieme ad altri due russi, Vadim Lyalin e Igor Shlykov. Il cantante ha detto che non sente la necessità di «dare spiegazioni al governo di un altro paese». «Ho il mio paese, la Russia, e ho il mio governo”, ha detto Leps, «Sembra che gli Usa hanno deciso di mettere in scena l’ennesima caccia alle streghe», il cantante ha poi aggiunto di non aver mai avuto conti bancari negli Stati Uniti o in Europa, e quindi non ci sono attività da congelare. Secondo la rivista Forbes, Leps è il secondo più ricco musicista russo, con un reddito stimato di 15 milioni di dollari nel 2012.

Maya Šeříková, assistente del cantante ha detto che Leps ha sentito parlare del divieto del Tesoro attraverso i media e non ha ricevuto alcuna notifica ufficiale. L’ambasciata americana a Mosca ha detto di aver fornito al ministero degli Esteri russo un preavviso sulla decisione di mettere Leps nella lista nera del Tesoro, riporta la Ria Novosti. Gli Esteri di Mosca hanno confermato la notizia.