Nato chiama Russia

53

BELGIO – Bruxelles. 22/01/15. La NATO ha espresso la necessità di ripristinare i contatti con l’esercito russo alla luce del conflitto in corso in Ucraina, fonti Reuters. Lo ha annunciato in una conferenza stampa a Bruxelles, il comandante delle forze congiunte della NATO in Europa, Philip Breedlove.

«Abbiamo parlato molto di come ricollegare, e l’importanza della comunicazione con le nostre controparti militari di alto livello in Russia», – ha detto Breedlove. Il Comandante ha parlato con il capo di Stato Maggiore russo Valery Gerasimov, anche dopo il passaggio della Crimea sotto la giurisdizione russa. Breedlove ha confermato che il comando NATO intende ristabilire un contatto con Gerasimov. «Sì, ripristineremo la comunicazione con Valery» ha detto ai giornalisti. Nel mese di dicembre, il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha suggerito alla NATO di creare un sistema di pre-allarme con la Russia al fine di evitare sviluppi incontrollati alla luce di eventuali incidenti che coinvolgono militari. Secondo lui, poiché la NATO ha sospeso la cooperazione con la Russia, al momento non ci sono molte opportunità, per esempio, di condividere le informazioni sui voli brevi e lungo raggio dell’aviazione. Il Rappresentante permanente della Russia presso la NATO Alexander Grushko ha inoltre espresso preoccupazione per la riduzione dei contatti tra i militari. «Penso che questo sia un grosso errore, uno dei più grandi errori che la NATO ha fatto – questo dialogo, questo canale di sovrapposizione sulle linee militari. Soprattutto ora, quando in realtà ci possono essere situazioni che potrebbero richiedere contatti operativi tra i militari» dice al RIA Novosti . Una fonte diplomatica ha riferito alla Reuters che diversi paesi, tra cui Francia, Italia e Germania, hanno sostenuto il mantenimento dell’esistente Consiglio NATO – Russia come un meccanismo per evitare le gravi conseguenze di possibili incidenti.