MAR CINESE MERIDIONALE. Navi francesi e inglesi navigheranno nelle acque contese

109

La Francia e la Gran-Bretagna invieranno navi da guerra nel Mare Cinese Meridionale per sfidare la presenza militare di Pechino in quelle acque. Lo hanno detto i loro ministri della Difesa allo Shangri-La Dialogue di Singapore, facendo eco all’ultimo piano degli Stati Uniti di aumentare la libertà di navigazione per contrastare la militarizzazione cinese nella regione e la sua posizione secondo cui le dispute territoriali dovrebbero essere una questione che riguarda la Cina e i paesi asiatici.

Un gruppo navale francese, insieme ad elicotteri e navi britanniche, visiterà Singapore la prossima settimana e poi navigherà “in alcune zone” del Mar Cinese Meridionale, ha detto il ministro della Difesa francese Florence Parly al forum, riporta Scmp. Senza nominare la Cina, ha suggerito che le navi da guerra attraverseranno le acque rivendicate da Pechino. Parly ha detto anche se la Francia non era un ricorrente nelle controversie del Mar Cinese Meridionale, conducendo tali esercitazioni «su base regolare con paesi alleati e amici» stava contribuendo a ristabilire un ordine basato su regole: «Esercitando la nostra libertà di navigazione, ci poniamo anche nella posizione di un persistente oppositore alla creazione di qualsiasi rivendicazione di sovranità de facto sulle isole», ha detto. «Credo che dovremmo ampliare ulteriormente questo sforzo», ha detto Parly, aggiungendo che l’Europa si stava mobilitando più ampiamente per sostenere questo sforzo e che ci sarebbero stati anche osservatori tedeschi a bordo.

Gli ha fatto eco anche il segretario di Stato britannico alla Difesa Gavin Williamson che ha dichiarato al vertice l’intenzione di Londra di inviare nella regione tre navi da guerra: «Dobbiamo chiarire che le nazioni devono rispettare le regole, e ci sono conseguenze se non lo fanno», ha detto Williamson. Il 1 giugno, il ministro della Difesa statunitense Jim Mattis aveva detto che la militarizzazione di Pechino del Mar Cinese Meridionale avrebbe creato «conseguenze molto più gravi», senza entrare nei dettagli.

Tommaso dal Passo