INDIA. Si avvicina il giorno zero delle riserve d’acqua

183

Mentre Città del Capo in Sudafrica inizia il conto alla rovescia per la crisi idrica che si sta avvicinando al “giorno zero”, quando i rubinetti saranno completamente prosciugati, un nuovo studio satellitare avverte che quattro paesi – India, Marocco, Iraq e Spagna – stanno per subire la stessa sorte.

Secondo lo statunitense World Resources Institute, sviluppatori di un nuovo satellite che controlla le 500.000 dighe del mondo, a causa del rapido esaurimento dei serbatoi, questi quattro paesi potrebbero essere vicini alla crisi del “giorno zero” dell’acqua, riporta Asia Times.

Prima dei mesi estivi, l’India paese potrebbe trovarsi ad affrontare una grave crisi idrica, secondo gli ultimi dati del dipartimento meteorologico. Ben 404 distretti si troveranno ad affrontare condizioni da lievi a estremamente secche, a causa delle scarse precipitazioni dall’ottobre 2017, riporta Times of India.

Anche se la maggior parte del paese soffre di carenze idriche durante le estati, ciò che ha peggiorato la situazione quest’anno sono le scarse precipitazioni invernali. Secondo i dati del dipartimento meteorologico, l’India ha affrontato un deficit di pioggia del 63% durante i mesi di gennaio e febbraio di quest’anno e del 31% da marzo all’11 aprile. I dati dell’indice di precipitazione standardizzato, una misura per determinare la siccità, hanno rivelato che, da gennaio a marzo, circa 472 distretti hanno registrato condizioni di siccità da lievi a estremamente secche, con 153 distretti nella categoria da gravi a estremamente secche. 

La maggior parte di questi distretti si trovano nel nord, centro e ovest dell’India, compresi gli stati del Punjab, dell’Haryana, dell’Uttar Pradesh e del Rajasthan. Pochi posti ad est, in particolare nel Bihar e nello Jharkhand, sono stati classificati nella stessa categoria. Nel sud, tuttavia, lo stato costiero del Tamil Nadu ha affrontato la peggiore siccità degli ultimi 140 anni. 

Il rapporto del World Resources Institute riporta che si è verificato un conflitto tra il Gujarat e il Madhya Pradesh per il rilascio di acqua dal fiume Narmada e il serbatoio Indira Sagar, dove i livelli erano scesi al 33% inferiore alla media. Inoltre, a marzo il governo dello stato del Gujarat ha fermato l’approvvigionamento idrico per l’irrigazione e ha esortato gli agricoltori a non piantare. Il governo dello stato ha detto che l’acqua restante sarebbe stata utilizzata solo per essere bevuta.

L’India è anche il maggiore consumatore mondiale di acque sotterranee, con circa il 25% dell’acqua estratta dal sottosuolo. L’abbassamento dei livelli delle acque sotterranee è una delle principali cause della scarsità d’acqua in India. In alcuni luoghi il declino è di oltre un metro all’anno e il Gujarat è uno dei principali sfruttatori, che utilizza le falde acquifere per scopi domestici, di irrigazione e industriali. Lo Stato ha già consumato il 68 per cento delle sue acque sotterranee. Secondo il Times of India, c’è stato un calo del 70% nella disponibilità di acqua negli ultimi 60 anni. Entro il 2050, il paese avrà il 22% della sua attuale acqua pro capite giornaliera.

Maddalena Ingrao