INDIA. La peggiore aria del mondo

75

Molte parti dell’India settentrionale stanno combattendo per sopravvivere data l’entità e la gravità dell’inquinamento che le sta soffocando. L’inquinamento atmosferico a Nuova Delhi e nelle aree circostanti ha raggiunto il livello peggiore di quest’anno il 3 e 4 novembre, con alcuni indici che mostrano livelli di PM 2,5 rispettivamente a 407 e oltre 500, riporta Reuters.

Avendo già dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica, le autorità della capitale più inquinata del mondo hanno ordinato alle scuole di chiudere e limitare il numero di auto sulle strade. Il problema dell’inquinamento atmosferico in India va ben oltre gli oltre 20 milioni di abitanti di Nuova Delhi. La sua fascia settentrionale è una delle zone più densamente popolate del pianeta.

L’hub industriale di Kanpur, che ospita 3 milioni di persone, è seguito da 13 città indiane in una lista dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dei luoghi con l’aria peggiore.

Sebbene le letture della qualità dell’aria siano rimaste costantemente al di sopra dei 500 giorni consecutivi, Kanpur, come la maggior parte delle altre città indiane, non dispone delle infrastrutture necessarie per combattere l’inquinamento atmosferico e ha adottato poche misure di emergenza. Gli agricoltori degli stati indiani del Paniere del Punjab e dell’Haryana bruciano ogni anno paglia di riso e stoppie per prepararsi alla semina invernale.

Quest’anno, alla fine di ottobre, i satelliti hanno iniziato a rilevare un numero significativo di incendi. Ulteriori analisi dei dati satellitari hanno dimostrato che il picco degli incendi si è spostato più tardi in inverno, quando le temperature più basse e venti più deboli hanno facilitato l’accumulo di sostanze inquinanti.

Lo spostamento è stato spinto da un cambiamento della politica del 2009 volto a salvare le acque sotterranee, che impedisce agli agricoltori di trapiantare le piantine in risaia fino a metà giugno, invece di una data precedente di metà maggio.

Il riso è una coltura che richiede grandi quantità di acqua e alcune varietà richiedono quasi 5000 litri di acqua per ogni chilogrammo di grano prodotto.

Una semina tardiva significa un raccolto tardivo. Con meno tempo rimasto per il raccolto invernale, gli agricoltori tendono a bruciare la paglia per liberarsene rapidamente. La paglia di risaia, ad alto contenuto di silice, non può essere utilizzata per l’alimentazione degli animali.

Anche il monsone indiano è arrivato un po’ tardi quest’anno. Dopo un inizio di giugno, ha iniziato a ritirarsi più di un mese dopo il solito, causando ancora più ritardi.

Tommaso dal Passo