I sottomarini tedeschi di Bibi

237

di Luigi Medici ISRAELE – Gerusalemme 23/11/2016. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si dice risoluto nell’acquisto di tre sommergibili tedeschi nonostante si stia allargando lo scandalo su presunti interessi privati in questa operazione da miliardi di dollari.

Secondo quanto riporta Global security, il premier israeliano, nei giorni scorsi, ha detto che la sua «unica considerazione» per l’acquisto era l’incremento della sicurezza a lungo termine di Israele.

I giudizi di Netanyahu, tuttavia, sembrano un apparente tentativo di minimizzare lo scandalo che sta emergendo sull’affare da 1,5 miliardi dollari, denunciata da un servizio televisivo dell’israeliano Canale 10.

Il servizio televisivo ha scatenato una serie di richieste d’indagine sul caso dopo la rivelazione che l’avvocato personale nonché confidente del premier, David Simron, era stato il rappresentante locale del conglomerato tedesco ThyssenKrupp, fabbricante dei sommergibili.

I sospetti sulla transazione sono stati alimentati dopo che l’ex ministro della Difesa, Moshe Ya’alon, aveva affermato che era stato allontanato dal suo incarico proprio a causa dei progetti di acquisto dei sommergibili, che sono andati avanti dopo essere stato sostituito. La scorsa settimana, Ya’alon aveva inoltre chiesto un’«indagine approfondita da parte delle autorità competenti dopo le affermazioni molto preoccupanti» formulate nella relazione.

Il coinvolgimento di Simron, forse il più stretto collaboratore di Bibi, ha accresciuto i timori di eventuali episodi di corruzione; Netanyahu dice dei essere venuto a conoscenza del ruolo di cimron nell’acquisto nei giorni scorsi, una dichiarazione che ha attirato ancora più sospetti sul premier. Yediot Ahronot, quotidiano di Tel Aviv afferma: «Si tratta dell’avvocato del premier, che è anche un avvocato privato, e l’avvocato della famiglia Netanyahu, e anche un avvocato che funge da rappresentante ufficiale del primo ministro. È presente su molti tavoli. Ed era Netanyahu, tra tutti, a non sapere che Scimron era coinvolto con l’affare dei sottomarini?». Simron però non risulta indagato in alcuna maniera.

Il leader dell’opposizione israeliana Isaac Herzog ha chiesto di stabilire una commissione d’inchiesta Knesset. Il 19 novembre, il presidente di Yesh Atid, Yair Lapid, ha anche invitato il procuratore generale Avichai Mandelblit a lanciare un indagine penale sull’acquisto caldeggiato da Netanyahu. Nel corso degli ultimi due decenni, Israele ha ordinato sei sottomarini dalla Germania, con l’ultima consegna prevista nel 2018, e Tel Aviv dice di aver deciso di acquistare i tre ulteriori sottomarini per rinnovare la sua flotta sottomarina.