Corridoio economico GUAM

43

di Luigi Medici UCRAINA – Kiev 09/11/2016. I primi ministri dell’Organizzazione per la democrazia e lo sviluppo economico Guam (Georgia, Ucraina, Azerbaigian e Moldavia) hanno discusso di corridoi di trasporto e di una zona di libero scambio. L’agenzia Interfax riporta le parole del Segretario Generale Guam Altai Efendiyev: «Il primo ministro ucraino Volodymyr Groysman ha avviato una riunione dei primi ministri Guam a Kiev sulla realizzazione di un corridoio di trasporto e sul completamento delle procedure per avviare una zona di libero scambio tra i nostri Stati», ha detto Efendiyev che ha aggiunto. «Un Business Forum si terrà a margine della riunione dei primi ministri».

Le materie prime ucraine dovrebbero raggiungere i consumatori in Oriente, mentre il traffico merci dall’Oriente, e dall’Asia centrale, dovrebbe raggiungere i mercati europei, ha detto Efendiyev: «Siamo cercando il compito di rianimare i corridoi di trasporto attraverso un grande progetto che incorpora gli interessi di quasi tutti i paesi, tra cui Cina e nazioni europee. Se riusciamo a rendere questo progetto attraente e competitivo, potrà diventare un fondamento di stabilità e di sicura cooperazione economica in una regione instabile e imprevedibile», ha detto il segretario generale Guam.

Il progetto è molto importante per il Gruppo di Visegrad e per i Paesi Baltic: «Il Consiglio Baltico ha mostrato interesse per la possibilità di collegare il Baltico, Nero e il Mar Caspio. Questa idea è stata discussa da molto tempo ed è molto vicina a divenire reale», ha detto Efendiyev.

Nelle sue parole, Guam sta interagendo con Washington e Tokyo: «Stiamo guardando alla Polonia e alla Repubblica Ceca in qualità di partner in particolari progetti, e siamo interessati alla collaborazione con il Gruppo di Visegrad».