A Davos la Georgia cerca investitori

69

GEORGIA – Tblisi. 24/01/14. Il primo ministro della Georgia Irakli Garibashvili durante la sua visita a Davos 23 gennaio e 24 ha tenuto una serie di incontri con i rappresentanti delle aziende leader di business nel mondo.

Secondo il servizio stampa del governo della Georgia, Irakli Garibashvili, ha incontrato il direttore esecutivo della società di consulenza finanziaria LAZARD Mathieu Pigasov . Il premier ha rassicurato gli investitori sul clima di l’investimento imprenditoriale in Georgia, citando i rating della Banca Mondiale e l’International Finance Corporation, e ha assicurato che il governo sosterrà l’investimento della società LAZARD Georgia, in Georgia.
Irakli Garibashvili ha incontrato i leader di Tata Sons Ltd, che ha annunciato l’intenzione di investire in Georgia. Oggi, l’azienda TATA SONS LTD svolge una serie di progetti in Georgia, tra cui un progetto per costruire una cascata di centrali idroelettriche sul fiume Acharistskali in Adjara. In questo progetto l’azienda ha già speso 33,4 milioni dollari. A proposito del clima d’affari in Georgia Irakli Garibashvili ha detto in un incontro con i leader del Jumeirah, gruppo arabo, società di consulenza Blackstone, con sede a New York. E ancora ha illustrato il sistema -Paese al direttore esecutivo della società industriale francese LAFARGE, che produce cemento e altri materiali da costruzione, nonché Presidente e Amministratore Delegato direttore della più grande azienda kuwaitiana Agility Logistics – fornitore leader mondiale di logistica integrata.
Sempre oggi, 24 gennaio, al Forum di Davos, il primo ministro georgiano ha anche incontrato il presidente della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo BERS i cui progetti svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo della Georgia. Ha ribadito la disponibilità di Tbilisi nel 2015, per ospitarela riunione annuale della BERS, che permetterà la Georgia per attirare nuovi flussi di investimento.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Luce d’Egitto
Articolo successivoNuovi scontri in Mali