20.000 ore di volo per la Fenice 

42

AFGHANISTAN – Herat, 08/02/2014.  La Task Force Fenice, ha raggiunto il traguardo di 20mila ore di volo operativo in Afghanistan.

La Task Force, cioè l’unità che impiega gli elicotteri del Regional Command West (RC-W), il comando multinazionale a guida italiana su base brigata meccanizzata “Aosta”,  impiega 21 elicotteri dell’Aviazione dell’Esercito divisi in tre linee di volo: CH-47-“Chinook”, NH90 e A129-“Mangusta”. Attualmente è costituita sulla base del 1° reggimento “Antares” di stanza a Viterbo.

Dal 2006 ad oggi il contributo offerto dagli elicotteri italiani ha consentito la movimentazione di oltre 60mila militari e 5.500 tonnellate di materiali, dimostrando con i fatti la loro versatilità e utilità nello svolgimento delle diverse tipologie di missione necessarie in questa area. 

Il risultato raggiunto, unitamente al supporto tecnico delle linee di manutenzione dei velivoli, hanno consentito di garantire l’indispensabile cornice di sicurezza per il personale del contingente multinazionale che svolge operazioni sul terreno a supporto delle forze di sicurezza locali, per renderle sempre più efficaci, autonome e sostenibili nel tempo. Nel dettaglio, secondo la terminologia tecnica, l’Aviation Battalion soddisfa i requisiti di “Expeditionary & Combat Capabilities” in ambiente ostile, cioè garantisce:

-interventi a fuoco, di supporto e di trasporto logistico in tutta l’area di operazioni;

-supporto alle funzioni operative di comando e controllo ed intelligence;

-possibilità di schieramento di una forza mobile, deterrente e sostenibile, fino a medio raggio, in tempi ridotti (Qrf);

-assetti in Qra (Quick Reaction Alert) con elicotteri A129 ed assetti in Qrf (Quick Reaction Force) con elicotteri CH47 ed un plotone di fanteria, entrambi in grado di intervenire in tempi ridotti, sia di giorno che di notte, in tutta l’area di responsabilità;

-Forward Medevac Team, in grado di fornire interventi sanitari d’urgenza nell’immediato. 

Per ulteriori approfondimenti si vedano le schede della missione Isaf, sul sito dello Stato Maggiore Difesa.