UNGHERIA. Viktor Orban potrebbe avere le ore contate

109

L’ex membro di Fidesz Peter Magyar si è fatto avanti come sfidante di Viktor Orbán, dopo aver organizzato la più grande manifestazione di massa dalla transizione del paese alla democrazia nel 1989-1990. “È iniziato un cambiamento che non può essere fermato”, ha detto Magyar ai sostenitori.

La manifestazione rappresenta un’enorme sconfitta per Fidesz, poiché il suo tentativo di screditare Magyar è stato vano, ma è anche un enorme schiaffo per l’opposizione, che per anni non è riuscita a radunare una folla simile a quella del raduno di sabato scorso, riporta BneIntelliNews.

In meno di due mesi da quando è apparso alla ribalta, Magyar, 42 anni, ha scosso il panorama politico e dato speranza a centinaia di migliaia di ungheresi che avevano quasi rinunciato alla speranza che il governo di Orban potesse essere rovesciato. Da quando ha fatto il suo debutto in politica, Magyar si è posizionato come un centrista, prendendo di mira coloro che si sono stancati dell’élite politica, da sinistra a destra.

Un recente sondaggio condotto dal Republikon Institute di Budapest ha rilevato che il suo partito, se venisse creato, sarebbe il terzo più popolare nel paese, con il 15%. Secondo il sondaggio, un terzo dei suoi sostenitori provengono dagli indecisi, che recentemente hanno raggiunto livelli record, ed è riuscito ad attirare il 5% dei sostenitori attivi di Fidesz, così come gran parte dell’elettorato apolitico e anche molti elettori dell’opposizione.

La presenza di Magyar in politica potrebbe diventare un serio grattacapo per Orban. Il partito al potere ha perso la sua resistenza e la sua capacità di controllare la narrazione. Negli ultimi due mesi è passato da una crisi all’altra.

L’Ungheria sta affrontando la più grande crisi legale, politica, morale ed economica degli ultimi 30 anni, e la gente sente di averne avuto abbastanza, ha detto Magyar ai media locali dopo la manifestazione. Ha cercato di minimizzare il suo ruolo dicendo “Potrei essere la scintilla che ha acceso l’incendio”.

Nonostante il clima insolitamente caldo, si stima che circa 200 – 250 mila persone siano scese in strada a Budapest da tutte le parti dell’Ungheria. Molti sono arrivati dalle città europee e dagli Stati Uniti proprio per questa occasione. Il post su Facebook di Magyar ha fatto scalpore prima della manifestazione. La gente offriva car sharing e alloggio per chi arrivava dalle campagne.

La manifestazione è stata la seconda in due settimane da parte di Magyar, che ha fatto un debutto di successo nell’arena politica durante la festa nazionale del 15 marzo, dove ha annunciato l’intenzione di candidarsi alle elezioni europee e locali del 9 giugno.

A causa dei limiti di tempo, Magyar non ha alcuna possibilità di fondare un proprio partito prima di quel momento, ma è coinvolto in trattative con partiti piccoli e marginali che potrebbe utilizzare come veicolo. Ha detto ai media indipendenti che nominerà il partito in cui entrerà alla prossima manifestazione prevista per il 5 maggio.

Magyar, salito sul podio al suono di “Final Countdown”, ha iniziato il suo discorso dicendo: “Ricordate questo giorno, il 6 aprile 2024, perché da ora in poi niente sarà più lo stesso (…) In poche settimane, il messaggio di speranza ha raggiunto gli angoli più remoti del Paese. Abbiamo fatto qualcosa senza precedenti dal cambio di regime (…) È iniziato un cambiamento che non può essere fermato (…) Passo dopo passo, mattone dopo mattone, stiamo riprendendo la nostra patria e costruendo un nuovo Paese, un’Ungheria sovrana, moderna, europea.”

Magyar si è scagliato contro le macchine della propaganda governativa e contro la mancanza di indipendenza dei media e della procura, presentando accuse di corruzione ai più alti livelli del governo.

“Sono passati più di 20 anni con i leader eletti che incitavano gli ungheresi gli uni contro gli altri, ma ora stiamo mettendo fine a tutto ciò”, ha detto, invitando tutti, dalla destra alla sinistra e ai liberali, a lavorare insieme per sostituire l’attuale élite politica. ”L’attuale governo ha portato il paese nella più grande crisi politica, legale e morale degli ultimi 30 anni. Ridate il potere al popolo, assumetevi la responsabilità politica e legale”, ha detto.

I risultati delle elezioni del Parlamento europeo saranno il primo chiodo sulla bara del regime, ha sottolineato. Magyar ha detto che saranno aperte le candidature per selezionare i candidati per le elezioni del Parlamento europeo: ”Potreste chiedermi se ho ancora qualche bomba nucleare (…) Noi siamo la bomba atomica, il popolo ungherese”.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/