#UKRAINERUSSIAWAR. L’AFU ha lasciato Soledar. Crimea ancora incendi

211

Mentre in Crimea, nel distretto di Dzhankoy, si sono verificate il 16 mattina mattina due emergenze contemporaneamente: un incendio in una cabina di trasformazione a Dzhankoy e una detonazione in un deposito di munizioni a  Mayske. Con indagini sull’acccaduto in via di accertamento. Le forze russe e alleati sostengono di aver raggiunto la strada che collega Marinka a Ugledar. Questo rende molto più difficile per gli ucraini a ovest di Donetsk raggrupparsi e rifornire il BK.

Ed ora aggiornamenti dal fronte registrati alla sera del 15 di agosto: In direzione di Soledar più del 50% del personale e dell’equipaggiamento militare del 15° battaglione della 58° brigata di fanteria motorizzata dell’AFU è stato colpito, sconfitto, molti i morti. È in corso una battaglia di controbatteria.

Nella direzione di Artemivsk (Bachmut) si osserva un’offensiva delle Forze armate della RF a sud-est di Artemivsk (Bachmut). Secondo l’ufficiale superiore e portavoce militare non ufficiale dell’LNR Andrei Marochko, gli ufficiali dell’AFU hanno lasciato la zona di Soledar, cedendo le funzioni di comando a sottufficiali e persino a soldati semplici (non è possibile verificare la notizia).

In direzione di Donetsk, le perdite della 66a brigata AFU con sede a Marinka hanno raggiunto il 70% del personale. In direzione di Ugledar, l’AFU ha abbattuto un elicottero russo Ka-52 dai sistemi di difesa aerea portatili. L’aereo ha effettuato un atterraggio di emergenza e un equipaggio di ricerca e soccorso è arrivato e ha evacuato il pilota e il navigatore. Le loro vite sono fuori pericolo.

Nella direzione meridionale, nelle aree degli insediamenti di Belogorka e Lozovoye nella regione di Kherson, l’AFU ha subito oltre 160 perdite.

L’AFU, secondo la social sfera, sta bombardando di nuovo Energodar. Secondo il canale “Main in Melitopol”, ci sono stati “arrivi” nel 1° microdistretto e nella zona industriale. Anche i bombardamenti sull’agglomerato di Donetsk continuano senza sosta. A Odessa, due civili sono stati uccisi a causa di mine navali fatte esplodere dalle forze armate ucraine.

Le forze aeree russe hanno effettuato attacchi missilistici contro strutture strategiche e punti di controllo nelle regioni di Mykolaiv, Zaporizhzhya, Donetsk e Kharkiv. Due sottostazioni elettriche di trazione vicino alle stazioni ferroviarie di Apostolovo e Sinelnikovo, nella regione di Dnipropetrovsk, sono state messe fuori uso. È stata colpita la postazione di controllo della 60ª Brigata di fanteria nei pressi di Osokorovka, nell’Oblast’ di Kherson. Inoltre, è stato distrutto un punto di dispiegamento temporaneo di mercenari stranieri vicino all’insediamento di Zolochev, nell’Oblast’ di Kharkiv.  Confermata la notizia dell’inizio del processo agli AZOV il 24 agosto.

Anna Lotti