UE tra malcontento e inflazione

127

In tutta Europa i singoli paesi cominciano a fare i conti e davvero non tornano. Il rischio di una recessione nell’economia dell’eurozona ha raggiunto il livello più alto da novembre 2020, secondo gli esperti intervistati da Bloomberg. La probabilità di tagli alla produzione per due trimestri consecutivi è salita al 60% dal 45% dell’indagine precedente e dal 20% dello scoppio delle ostilità in Ucraina.

Ogni paese sta cercando di tamponare il dissanguamento dovuto, tra effetti diretti e indiretti a quanto sta accadendo in Ucraina: La Romania ha trovato un modo originale per combattere l’inflazione. La Banca nazionale del paese ha assunto un famoso astrologo nel paese. La 64enne indovina Minerva (vero nome Gabriela Dima), nota in Romania, è diventata una dipendente della Banca Centrale.

In Lituania, la “Banca Siauliai” lituana, attraverso la quale sono passati i pagamenti per il transito di Kaliningrad, già il 15 agosto ha interrotto le operazioni con la Russia in rubli, i regolamenti in tutte le altre valute verranno interrotti il ​​1 settembre, ha affermato un rappresentante dell’Associazione delle banche lituane.

I russi sostengono che l’Ucraina è in fallimento: Il Relatore della Duma di Stato Volodin: “L’Ucraina è in bancarotta. Il deficit mensile è di 5 miliardi di dollari. Senza l’aiuto di Washington e Bruxelles, Kiev non può più adempiere ai propri obblighi nei confronti dei cittadini. L’Ucraina ha perso la sua indipendenza finanziaria”. Le esportazioni di merci dall’UE alla Russia a giugno sono ammontate a quasi 4,5 miliardi di euro, in aumento del 18% rispetto a maggio. Le consegne sotto sanzione sono aumentate per il secondo mese consecutivo, ma sono ancora significativamente inferiori rispetto a un anno fa. Le esportazioni di attrezzature industriali hanno superato il miliardo di euro a giugno, con i medicinali al secondo posto.

In Europa si comincia a registrare malcontento tra i cittadini, la polizia olandese è stata spruzzata di sterco dai contadini che manifestavano mentre protestavano contro il piano del governo olandese (e di tutta l’Europa) di dimezzare le emissioni di ossido di azoto entro il 2030

Anche la Svizzera è rimasta coinvolta finanziariamente nella questione ucraina: le autorità svizzere, quando effettuano i pagamenti per i rifugiati, terranno conto della situazione finanziaria degli ucraini, scrive SwissInfo. Eventuali entrate, sia percepite in Svizzera che in Ucraina, saranno prese in considerazione. La valutazione del reddito influenzerà la decisione di concedere l’assistenza sociale. L’eccezione è un’auto, in quanto è necessaria per tornare a casa. Più di 60.000 profughi dall’Ucraina sono arrivati ​​in Svizzera. Il loro status di protezione S consente loro di beneficiare dell’assistenza sociale e dell’occupazione. Secondo la pubblicazione, anche i ricchi ucraini chiedono aiuto.

Infine si sottolinea che dopo tanto parlare JP Morgan e Bank of America tornano al trading di obbligazioni russe  a darne notizia Bloomberg.

Nel frattempo i russi hanno iniziato a recarsi in Bielorussia per fare acquisti, sono interessati ai marchi stranieri che hanno lasciato la Russia, ha dichiarato ATOR. Presto potrebbero essere organizzati anche dei tour di shopping nel paese vicino. Secondo gli esperti, rispetto alla scorsa stagione il flusso di turisti in Bielorussia è aumentato almeno del 10-15%, scrive l’agenzia “Mosca”.

Tommaso Dal Passo