TURCHIA. Erdogan inaugura una moschea nel centro della movida di Istanbul

44

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha inaugurato il 28 maggio una moschea nella centrale piazza Taksim a Istanbul. La moschea è stata costruita nell’area che ha storicamente ospitato luoghi di intrattenimento come bar, club di danza, cinema e teatri.

I conservatori che vivono nel quartiere hanno a lungo sostenuto che una nuova moschea era una necessità per i musulmani che vivono nella zona, perché una piccola moschea del XVI secolo in via Istiklal, e un’altra più piccola, non offrono abbastanza spazio per ospitare le preghiere, specialmente durante i sermoni del venerdì. Altri si sono opposti, dicendo che la struttura avrebbe cambiato il tessuto culturale della piazza.

Il governo voleva aprire la moschea di venerdì, il giorno santo islamico, e un giorno prima dell’anniversario della conquista di Istanbul da parte degli ottomani nel 1453. Ma la data coincide anche con l’anniversario delle proteste di Gezi Park del 2013, in cui la gente ha manifestato in tutta la nazione per opporsi ai piani di Erdogan di distruggere una preziosa area verde vicino a piazza Taksim per ricostruire una caserma militare di epoca ottomana. Otto persone sono morte e quasi 9.000 sono rimaste ferite durante mesi di scontri tra polizia e manifestanti, riporta Middleeasteye.

Erdogan il 28 ha detto che non ha potuto costruire la moschea neanche durante il suo mandato di primo Ministro a causa dei «terroristi che si sono messi in mezzo», in riferimento ai manifestanti. Ha anche sottolineato che ci sono molte chiese ma non molte moschee in questo quartiere.

Il quartiere di Beyoglu, è stato un importante centro culturale e commerciale per le comunità non musulmane fin dai tempi degli Ottomani. Molti stati stranieri, come la Francia, la Germania e il Regno Unito, hanno stabilito le loro missioni estere a Beyoglu nel XIX secolo, mentre le minoranze tra cui greci, armeni e comunità ebraiche possedevano proprietà, tra cui templi e imprese. Tuttavia, dopo il crollo dell’Impero Ottomano, Beyoglu divenne il nuovo centro di Istanbul, e sotto la nuova repubblica laica, la città fu gradualmente turchizzata e cominciò ad essere frequentata dai musulmani.

Attualmente, il numero di residenti non musulmani nella zona è incommensurabilmente basso.

Molti conservatori hanno fatto notare ripetutamente che la chiesa greco-ortodossa Hagia Triada saluta gli abitanti di Istanbul in una piazza che non ha altra traccia di patrimonio islamico che una piccola moschea in un vicolo. Erdogan ha anche criticato il principale partito di opposizione Chp per aver bloccato i tentativi passati di costruire una moschea nella zona, mentre l’attuale sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu, membro del Chp, era presente alla cerimonia.

Tommaso Dal Passo