SUDAN. Tensione politica alle stelle prima delle elezioni

72

Tensione crescente in Sudan per una serie di manifestazioni convocate in risposta a un continuo sit-in inscenato dalla scorsa settimana davanti al palazzo presidenziale nella capitale, Khartoum, da gruppi che facevano parte delle Forze della Libertà e del Cambiamento, Ffc, una coalizione sciolta che era alla guida delle proteste che hanno portato alla rimozione militare dell’ex presidente Omar al-Bashir nell’aprile 2019.

Secondo un accordo di condivisione del potere dell’agosto 2019 tra i militari e il Ffc, il paese è stato gestito da un Consiglio sovrano di membri militari e civili con il compito di supervisionare la transizione fino alle elezioni previste per il 2023, così come un consiglio di ministri sotto il primo Ministro civile Abdalla Hamdok.

Tuttavia, le tensioni a lungo covate all’interno della Ffc sono esplose nelle ultime settimane, con diversi gruppi che si sono separati dalla coalizione e hanno unito le forze per lanciare una nuova Carta di Accordo Nazionale. I membri del raggruppamento scissionista si sono lamentati della marginalizzazione nel periodo di transizione che, hanno detto, è monopolizzato dai partiti politici per lo più centristi e urbani che attualmente compongono la Ffc: il Partito del Congresso Sudanese, il Partito Umma, il Partito Arabo Socialista Baath – Regione del Sudan e il Raduno Federale, riporta al Jazeera.

La fazione scissionista e i suoi sostenitori hanno chiesto lo scioglimento del governo e la formazione di uno nuovo guidato da tecnocrati. Ci sono stati anche disaccordi con la Ffc riguardo al Comitato per smantellare il regime del 30 giugno 1989 e recuperare i fondi pubblici, una task force istituita per recuperare i beni persi da al-Bashir e dai suoi.

Le proteste di giovedì scorso coincidono con l’anniversario della rivoluzione sudanese del 1964, che ha rovesciato un governo militare guidato dal maggior generale Ibrahim Abboud. «Abbiamo comunicato con i comitati di resistenza in tutto il paese per avere un giorno di protesta per preservare le conquiste della rivoluzione», ha detto il portavoce della Ffc Erwa el-Sadig.

El-Sadig ha anche detto che si aspetta che i colloqui con la leadership militare riprendano dopo le proteste di giovedì, e ha aggiunto: «Continueremo i messaggi politici della rivoluzione, finché non consegneranno la presidenza del consiglio sovrano a un civile», come stabilito dalla dichiarazione costituzionale che è stata firmata dalle due parti nel 2019.

Il documento aveva inizialmente fissato la data del maggio 2021 perché il generale Abdul Fattah al-Burhan cedesse la guida del Consiglio sovrano a un rappresentante civile.

Maddalena Ingroia