Baku: il commercio finanzia l’estremismo

45

AZERBAIJAN – Baku. 25/11/14. Secondo il giornale azero “Yeni Musavat”, il Presidente del Comitato di Stato per i Rapporti con le associazioni religiose Gurbanli ha detto che “gruppi religiosi radicali in Azerbaijan hanno una propria rete di business in tutto il paese, che comprende negozi e anche i grandi centri commerciali, i cui proventi vengono dati per finanziare questi gruppi, e alcuni sono andati in Siria e IS».

Secondo Gurbanli, «le autorità competenti già si occupano di questi gruppi» e che «intendono distruggere queste fonti di reddito». Secondo il giornale, il fatturato annuale della rete è di 5 milioni di dollari all’anno. Secondo l’esperto Aydin Alizadeh, direttore del giornale i soldi spesi per la propaganda, la pubblicazione di libri, lo stipendio dei membri di gruppi, così come le tangenti vengono dai profitti dei negozi». Allo stesso tempo, i motivi principali per la diffusione di gruppi religiosi radicali nel paese – secondo la testata – vanno ricercati nella propaganda, proventi finanziari, ricambio generazionale, i casi di ingiustizia sociale nella società, problemi psicologici delle persone, tradizioni popolari ritardate, la disoccupazione e la povertà, la mancanza di una corretta ideologia dello Stato rispetto alla questi gruppi, etc. Secondo il giornale, comunque, senza un adeguato sostegno “di alcuni uomini potenti” tutto ciò sarebbe impossibile. Molti sostengono che questi gruppi operano all’interno delle catene di vendita al dettaglio controllate da taluni funzionari e uomini d’affari di alto rango. Si noti che i media azeri precedentemente hanno riferito che il numero dei seguaci di gruppi radicali in Azerbaijan raggiunge le 40 mila persone. Fonte Kavnews.