MAR CINESE MERIDIONALE. La Cina punta alla cooperazione energetica per evitare lo scontro

66

La Cina e le Filippine non dovrebbero essere distratte dalle loro dispute nel Mar Cinese Meridionale e dovrebbero invece concentrarsi sull’avanzamento della cooperazione nella ricerca di petrolio e gas nella regione, ha detto il ministro degli Esteri cinese Wang Yi al termine del suo tour di una settimana nel Sud-Est asiatico.

Il viaggio di Wang, riporta Scmp, comprendeva anche tappe in Myanmar, Indonesia e Brunei; Pechino sta cercando di consolidare i suoi legami con la regione prima che la nuova amministrazione statunitense entri in carica questa settimana. Wang ha detto che la Cina e l’Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico stanno lavorando insieme per far progredire la ripresa post-pandemica: «I fatti dimostrano ancora una volta che l’adesione ai meccanismi regionali e multilaterali è più importante che mai». Inoltre, durante il tour di Wang, la Cina e il Brunei hanno istituito un gruppo di lavoro sulla cooperazione energetica.

Wang ha sottolineato il desiderio della Cina di spostare l’attenzione dalle controversie marittime all’esplorazione congiunta delle risorse nelle acque: «Entrambe le parti ritengono che la questione del Mar Cinese Meridionale sia solo parziale rispetto all’insieme delle relazioni sino- filippine (…) Non dovremmo permettere che tale differenza dell’1 per cento faccia deragliare il 99 per cento delle nostre relazioni». Wang ha detto che i due Paesi continueranno a «gestire correttamente le loro controversie» e a puntare sull’esplorazione di petrolio e gas nel Mar Cinese Meridionale.

Il governo filippino in ottobre ha revocato il divieto di esplorazione di petrolio e gas offshore, riaprendo la porta allo sviluppo energetico congiunto con la Cina. Due anni fa, i due governi hanno firmato un memorandum d’intesa per esplorare insieme il petrolio e il gas sottomarino, un modo per disinnescare una più ampia controversia regionale. Nel 2016, un tribunale internazionale dell’Aia ha accolto la sfida delle Filippine alle rivendicazioni territoriali di Pechino su quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, ma Pechino non ha mai accettato la sentenza.

L’amministrazione del presidente Rodrigo Duterte ha promesso di archiviare la controversia in cambio dell’aiuto economico di Pechino.

Anche se l’amministrazione Duterte si avvicina alla fine, Pechino ha cercato di riaffermare il sostegno al suo vicino, promettendo mezzo milione di dosi di vaccini Covid-19, 1,34 miliardi di dollari di prestiti per progetti di infrastrutture e 77 milioni di dollari di sovvenzioni.

Wang ha detto che la fornitura di vaccini alle Filippine ha dimostrato la volontà di Pechino di aiutare Manila a superare le sfide della Pandemia. La Cina e le Filippine hanno anche annunciato un accordo per l’attraversamento rapido delle frontiere durante la pandemia per il personale, e hanno aperto l’attività di clearing dello yuan della Bank of China nelle Filippine.

«La Cina continuerà a partecipare ai piani infrastrutturali della parte filippina e a promuovere attivamente la cooperazione su progetti importanti per gettare basi migliori per lo sviluppo a lungo termine delle Filippine», ha detto Wang.

Antonio Albanese