Tiro: donazione di sangue dei caschi blu italiani

43

LIBANO – Shama 29/07/2016. «Un gesto di nobile gratuità sociale, espressione di generosa e spontanea solidarietà». Lo ha detto Mouzaiyan Siklawi Ajami, presidente della Croce Rossa di Tiro, al termine di una importante donazione di sangue effettuata dai “caschi blu” del contingente italiano di Unifil a favore della popolazione libanese.

Un’analoga iniziativa era stata svolta nei giorni del Ramadan caratterizzato da una carenza di sangue e di emoderivati presso le strutture sanitarie locali.
«Un gesto particolarmente apprezzato dal personale dell’associazione e dalle autorità locali», ha detto il colonnello Enrico Rosa, primo tra i donatori e comandante di Italbatt, l’unità di manovra del contingente italiano su base 151° reggimento fanteria “Sassari”.
Il colonnello Rosa ha poi sottolineato come la donazione rappresenti «una delle tante espressioni di vicinanza dei “baschi blu” italiani nei confronti degli abitanti del distretto di Tiro».
Medici e infermieri della Croce Rossa di Tiro saranno presto ospiti della vicina base di Al Mansouri, dove i “peacekeepeer” italiani effettueranno altre donazioni volontarie di sangue.
L’assistenza alla popolazione libanese, insieme al monitoraggio della cessazione delle ostilità e al supporto alle forze armate libanesi, è uno dei compiti assegnati al contingente italiano di Unifil nel rispetto della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu.