Ramadan, Islam e Rap

55

MEDIO ORIENTE – 04/08/2013. Come viene raccontata la guerra in Siria e gli sconvolgimenti mediorientali dalla musica popolare?

Un interessante analisi di al Monitor ce ne da conto. Durante il Ramadan del 2012, quattro rapper provenienti dai gruppi di profughi siriani erano seduti con le loro famiglie nel campo di Yarmouk a Damasco, ascoltando cadere le bombe, guardando le notizie e scrivendeo testi. Yaser Jamous e suo fratello più giovane Mohammad, Ahmed Zarouk e Mohammad Jawad, cresciuto nel campo profughi palestinese, hanno iniziato a fare musica insieme nel 2005, trascorrendo la maggior parte del Ramadan insieme, riporta al Monitor. Nel 2013, i fratelli sono in Europa, Zarouk è in Iraq con la moglie e Jawad è ancora nel campo a cercare di organizzare per la sicurezza della sua famiglia e la speranza di rientrare nel gruppo. Sebbene Yaser e suo fratello sono ora al sicuro, potendo finalmente di nuovo cantare, Yaser ha detto che preferirebbe trascorrere il Ramadan in Siria.

Yaser si sente in colpa per aver lasciato la Siria. «Riteniamo che non abbiamo fatto nulla per questa rivoluzione. Dobbiamo lanciare il nuovo album per far sì che i nostri fan conoscano il nostro vero punto di vista. Ma con Jawad ancora nel campo in mezzo ai combattimenti, esitano. Così, continuano i loro sforzi per riunirsi in Francia e finalmente rilasciare il loro album tanto atteso. Khaled Harara, un rapper di Gaza, che ha ora vive in Danimarca, è più tranquillo: «Il Ramadan, per me quest’anno è solo il digiuno», ha detto Harara, recentemente accettato per un programma musicale e di scrittura in Svezia, «Mi manca mia madre, la famiglia, il cibo, gli amici e Knafeh, non mi manca Hamas e le frontiere (…) Il mio piano è ora di iniziare la mia vita come un normale essere umano in Svezia». Mohammed Antar, altro rapper di Gaza, questo Ramadan è anche uno dei suoi migliori, ma per un motivo diverso. Si è recentemente trasferito al Cairo con il sostegno della sua famiglia ed è sollevato di essere lontano da Gaza.

«Gaza è come l’inferno», ha detto, accusando i politici, polizia e forze di sicurezza per la situazione. «Ti fanno sempre le stesse domande stupide: chi mi sta finanziando o devono dirmi come un vero musulmano deve comportarsi. Ecco, qui io posso dire quello che voglio», ha detto a proposito dell’Egitto. Ha preso parte al movimento Tamarod, per lui, protestare contro la Fratellanza Musulmana in Egitto è protestare contro l’autorità di Hamas a Gaza. In Egitto quest’anno, il Ramadan è stato un anno particolarmente denso di manifestazioni anti-Morsi e pro-Morsi, e teatro della defenestrazione.

Wara2a B-100, un gruppo hip-hop da Alessandria che ha fatto la canzone ufficiale della campagna per il movimento Tamarod che ha chiamato per il rovesciamento di Morsi, non sta vivendo bene, nonostante il loro successo. Hanno ricevuto un sacco di critiche su Facebook da sostenitori di Morsi che postano commenti del tipo “Siete anche i musulmani?” E “Sono musulmani e combattere i Fratelli Musulmani, come mai?”. 

Dall’altra parte , un sostenitore Morsi, il rapper Abdullah Elshrif, in un recente video, dice l’Egitto soffre di islamofobia. Per il libico rapper Malik L, questo Ramadan è solo il suo terzo trascorso in Libia. E ‘cresciuto in una famiglia di dissidenti politici a Washington è tornato a Bengasi all’inizio della rivoluzione nel 2011. «Durante il Ramadan di quest’anno, l’elettricità è tagliata per una sola ora ma i prezzi sono aumentati (…) i ladri diventano più ricchi, e i poveri non hanno molte opportunità» dice. Malik L non suona durante il Ramadan, ma passa le sue giornate tra le cinque preghiere quotidiane e la routine quotidiana.