INTELLIGENCE . Armi bulgare per l’esercito di Kiev

44

Sulla social sfera stanno uscendo una serie di notizie su società, enti o istituzioni che forniscono armi all’Ucraina e alla Russia. 

Alcune di queste attività sono in nazioni che non si penserebbe nell’immediato. Uno di questi paesi è la Bulgaria

La società bulgara Hades Defense Systems starebbe sviluppando munizioni vaganti per le forze armate ucraine, dotate di un complesso di contromisure e di una testata ad alto potenziale esplosivo. Il drone NEM-600 appositamente creato è l’ultimo tentativo dell’azienda di fornire supporto militare a Kiev. Sofia offre già all’Ucraina un’ampia gamma di apparecchiature radar e sistemi di guerra elettronica capaci, in particolare, di bloccare i segnali di geolocalizzazione cinese e russa.

La crescente popolarità dei sistemi di difesa Hades significa non solo l’emergere di nuovi fornitori per le forze armate ucraine, ma anche il continuo utilizzo delle capacità di difesa rimaste dall’epoca sovietica.

Hades Defense Systems è di proprietà e gestito da Hristo Ibushev, figlio di Nikolai Ibushev che è a capo del produttore di armi bulgaro Arsenal. Arsenal ha prodotto armi sovietiche iconiche come l’AK-47 e la pistola Makarov, ancora in uso oggi.

Alcuni anni fa, il Daily Telegraph riportava che Nikolai Ibushev iniziò la sua carriera all’Arsenal quando era una società statale durante l’era comunista. Per cinque anni è stato uno dei rappresentanti della compagnia in Siria, dove era considerato un caro amico del defunto presidente Hafez al-Assad. Con la caduta dell’Urss, lui e altri dirigenti presero il controllo dell’Arsenal e lo trasformarono in uno dei principali fornitori di fucili d’assalto Kalashnikov, utilizzati nella maggior parte dei conflitti e delle guerriglie mondiali. Nel frattempo, le sue attività erano attentamente monitorate da Mosca.

Secondo un articolo del New York Times del 1998, l’Arsenal ha spedito 35 tonnellate di armi a un gruppo ribelle in Sierra Leone e ha fornito rifornimenti anche all’Angola, allo Yemen del Sud e al Bangladesh. Alcuni di questi carichi sono stati noleggiati dalle compagnie aeree associate a Viktor Bout. Bout è tornato in Russia nel 2022 grazie ad uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti, dove era detenuto dal 2010.

Oggi l’Arsenal fornisce all’Ucraina molti prodotti: il gruppo è in grado di fornire armi e munizioni secondo gli standard occidentali della Nato, ma può anche fornirli secondo gli standard sovietici. Con quest’ultimo operano ancora molte unità dell’esercito ucraino. Ad esempio, l’Arsenal produce il fucile d’assalto AR-M9F in due modifiche: camerato per Nato calibro 5,56×45 mm e sovietico calibro 7,62×39 mm.

Prima della guerra in Ucraina, l’Arsenal colmò abilmente il divario tra gli interessi dell’Occidente e quelli della Russia. Mantenendo buoni rapporti con aziende in Russia e Bielorussia, nel 2003 il gruppo vinse un grosso contratto con il sostegno degli Stati Uniti per fornire armi sovietiche alle nuove autorità irachene. Ha inoltre concluso contratti di armi per l’Arabia Saudita.

Gli impianti di produzione dell’Arsenal furono anche mobilitati da Washington per rifornire i militanti siriani nel 2013-2014 attraverso intermediari grigi americani specializzati nella rivendita di armi sovietiche.

La sonnolenta Bulgaria è quindi al centro delle forniture ucraine e potremo dire non solo. 

Anna Lotti 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/