Scontri tribali in Darfur

57

SUDAN – Khartum 23/08/2014. Scontri feroci tra le tribù Rizeigat e Ma’aliya sono avvenuti nei giorni scorsi nella regione orientale del Darfur, Sudan occidentale, lasciando sul terreno 63 morti e 70 feriti, stando a fonti tribali riportate dalla stampa locale.

Gli scontri erano scoppiati la settimana precedente per una disputa sulla terra e per un presunto furto di bestiame: gli scontri tra le due tribù sono però di più lunga data, risalirebbero a faide scoppiate nel 1950. Le tensioni si sono intensificati nel corso degli ultimi anni, dopo la scoperta del petrolio nelle zone abitate dai Ma’aliya. A luglio, i rappresentanti di entrambe le tribù non sono riusciti a raggiungere un accordo in una conferenza ad hoc, tenutasi a Al Fula, capitale dello stato confinante del Kordofan occidentale. Il coordinatore delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Ali al Zaatari, il 19 agosto aveva detto, in una conferenza stampa a Khartoum, che, nel 2014, 400mila persone erano fuggite dai conflitti tribali e armati nel Darfur. Dal 2003, il Darfur è teatro di una guerra tra ribelli e truppe sudanesi che ha causato più di 300mila morti e ha portato 2,7 milioni di persone a lasciare le proprie case.