COREA DEL SUD. Pyongyang prende le misure per attaccare Seul

580

Nei recenti test, la Corea del Nord ha migliorato la potenza di fuoco dei suoi missili che possono colpire la Corea del Sud, rendendoli pronti per il dispiegamento su un campo di battaglia, hanno detto gli esperti sudcoreani e statunitensi. «Negli ultimi due anni la Corea del Nord ha migliorato la sua potenza di fuoco, le capacità di combattere la guerra, testando una serie di nuovi sistemi», tra cui il missile KN-25 e varianti come il KN-23 e KN-24, ha detto Michael Elleman, direttore del programma di non proliferazione e politica nucleare presso l’Istituto internazionale per gli studi strategici.

Entrambi i sistemi «sono in grado di minacciare obiettivi in Corea del Sud e sono probabilmente più precisi e letali dei sistemi visti in precedenza nella Corea del Nord», ha detto Elleman, ripreso da VoA. Rispetto all’artiglieria posizionata sul lato nordcoreano della zona demilitarizzata, i missili KN-25 danno a Pyongyang la capacità di attaccare il Sud senza sosta. I lanci della Corea del Nord del 2 e 9 marzo hanno incluso i missili KN-25 che il regime ha iniziato a testare il 24 agosto scorso. Il lancio del 9 marzo è stato il sesto test KN-25.

Il KN-25 è un razzo d’artiglieria a lungo raggio con un sistema di guida per controllare la sua traiettoria di volo. Poiché ha un sistema di guida come un missile balistico, gli Stati Uniti classificano il KN-25 come missile balistico a corto raggio e la Corea del Nord ha descritto entrambi i lanci all’inizio di questo mese come esercitazioni di “artiglieria a lungo raggio”.

Aggiungere la tecnologia di guida a un razzo di artiglieria a lungo raggio è relativamente nuova per la Corea del Nord e migliorare le traiettorie di volo e la potenza di fuoco è stato l’obiettivo nordcoreano per i suoi test KN-25 da agosto 2019.

Un razzo di artiglieria a lungo raggio come il KN-25 può normalmente volare fino a 400 km ad un’altitudine relativamente alta, ma la Corea del Nord ha testato i missili a distanze più brevi e ad altitudini più basse a marzo, indicando che il regime ha un obiettivo specifico.

I missili che la Corea del Nord ha testato il 2 marzo sono stati lanciati dalla sua città costiera orientale, Wonsan, e hanno volato per 240 km. Quelli lanciati il 9 marzo dalla regione orientale di Sondok hanno volato fino a 200 km, secondo i Capi di Stato Maggiore della Corea del Sud.

Lucia Giannini