COREA DEL NORD. Kim Jong Un teme di fare la fine di Soleimani

1292

Kim Jong Un ha imposto alle forze armate lo stato “wartime readiness” (prontezza operativa in caso di guerra) il 4 gennaio, dopo l’assassinio di da parte degli Stati Uniti di Qassem Soleimani. Come riporta Daily NK, l’ordine è arrivato il giorno dopo l’assassinio del generale iraniano e comandante della Forza Quds, Qasem Soleimani, il 3 gennaio scorso. 

Negli ordini dati allo Stato Maggiore Generale e all’Ufficio Politico Generale del partito il 4 gennaio, Kim Jong Un avrebbe ordinato che: «Dobbiamo annientare risolutamente i movimenti irregolari del nemico nel nuovo anno e sollecitare la prontezza operativa bellica nel portare avanti la storica chiamata a difendere il leader e il vertice del Partito fino alla morte», secondo una fonte militare del 9 dicembre.

I «movimenti irregolari del nemico» sembrano riferirsi all’operazione intrapresa dal Comando delle Operazioni Speciali Congiunte degli Stati Uniti nelle prime ore del 3 gennaio, quando un missile lanciato da un drone ha completamente distrutto il veicolo che trasportava Soleimani e due veicoli di scorta. La frase sembra riferirsi al rischio di un’analoga uccisione mirata contro la Corea del Nord. Il 4 gennaio, Kim ha anche istruito lo Stato Maggiore di «pianificare ed eseguire un programma di addestramento al comando su tre fronti e di assumere una posizione di mobilitazione completa in modo che la Corea del Nord sia in grado di cancellare definitivamente qualsiasi schema da parte del nemico».

A marzo, l’ultimo mese delle esercitazioni militari invernali del Paese, i militari nordcoreani conducono abitualmente esercitazioni a partito contrapposti; mentre queste esercitazioni mobilitano l’insieme delle forze militari e paramilitari del paese, compreso l’esercito regolare e le Guardie Rosse Operaie, le fonti militari di Daily Nk hanno detto che impallidiscono in confronto al “programma di addestramento al comando su tre fronti”».

Il nucleo dei questo programma è la simulazione di una situazione in cui la leadership militare della Corea del Nord è stata spazzata via. Ciò richiede che i comandi di ogni ramo della Kpa, compresa la fanteria, la marina e l’aeronautica, prendano direttamente il controllo delle unità militari di livello inferiore. L’esercitazione mira essenzialmente ad addestrare i comandanti sul campo ad eseguire efficacemente le operazioni senza ordini da parte dei superiori. 

Il programma di addestramento al comando su tre fronti comprende anche esercitazioni di guerriglia focalizzate sulla simulazione di scenari in cui i leader militari nordcoreani cooperano per sferrare attacchi alla leadership militare del nemico dopo aver montato attacchi elettronici al sistema di posizionamento globale, Gps. 

Seguendo gli ordini di Kim, l’esercito si troverebbe quindi in uno stato di forte tensione. I leader militari capiscono tutti che gli ordini di Kim di proteggerlo dalle minacce nemiche sono essenzialmente un modo per testare la loro lealtà al regime. 

Antonio Albanese