VENEZUELA. Maduro va in Iran

233

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha annunciato che visiterà l’Iran il prossimo anno, in seguito all’invito di Ebrahim Raisi, per discutere un’ulteriore cooperazione tra i due paesi. Maduro ha limitato i suoi viaggi all’estero a paesi amici come Cuba negli ultimi anni, presumibilmente per questioni di sicurezza. Ma il 26 dicembre ha ammesso di aver parlato due volte al telefono con Raisi e che avrebbe accettato l’invito perché «i paesi arabi amano il Venezuela».

«Andrò a Teheran molto presto, per una visita che il presidente Raisi mi ha offerto, in modo che ci incontriamo di persona, per tenere conversazioni e firmare nuovi accordi», ha detto Maduro in un’intervista con Al Mayadeen che è stata trasmessa anche dalla televisione statale venezuelana. Durante l’intervista Maduro ha anche elogiato la Guida Suprema dell’Iran Ayatollah Ali Khamenei, dicendo che ammira il capo di stato come «un uomo di grande saggezza e grande intelligenza».

Entrambi i paesi sono sotto sanzioni Usa, riporta MercoPress. Il Venezuela è sotto forti sanzioni statunitensi che hanno avuto un impatto sulle esportazioni di petrolio greggio del paese. Gli Stati Uniti hanno anche imposto sanzioni all’Iran in uno stallo sul suo programma nucleare e sugli sforzi per far rivivere un patto del 2015 con le potenze mondiali. I negoziati sono in corso a Vienna per salvare il cosiddetto Piano d’azione globale congiunto, Jcpoa, che si sta disfacendo da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nel 2018 e l’Iran ha risposto aumentando le sue attività nucleari.

A giugno scorso un cacciatorpediniere iraniano e una nave di supporto hanno navigato nell’Oceano Atlantico, dirette in Venezuela. In questo scenario, la compagnia petrolifera statale venezuelana Petroleos de Venezuela, Pdvsa, ha quasi raddoppiato la sua produzione di greggio grazie all’aiuto tecnico dell’Iran. Prima ha ottenuto l’aiuto di piccole imprese di perforazione rinnovando vecchi debiti e poi si è assicurata forniture costanti di un diluente chiave dal partner asiatico.

Il Venezuela starebbe raggiungendo quantità esportabili di greggio in una sorprendente svolta dopo anni di decadenza. A novembre, ha prodotto 824.000 barili al giorno (bpd), il 90% in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Tuttavia, non è ancora chiaro se questa tendenza si manterrà, dato che anni di conti non pagati, cattiva gestione e sanzioni statunitensi hanno limitato il suo accesso alle attrezzature di perforazione, agli investimenti stranieri e ai potenziali clienti.

Il ministro del petrolio Tareck El Aissami ha descritto la situazione attuale come una “grande vittoria”, nonostante i numeri siano ancora al di sotto dell’obiettivo di 1,28 milioni di bpd. Mentre i campi petroliferi sono stati riaperti, gli esperti di petrolio hanno detto che la Pdvsa ha fatto tutto il possibile e ulteriori guadagni potrebbero essere limitati dalla mancanza di piattaforme aggiuntive e di impianti di potenziamento funzionanti per il suo greggio, che è simile al catrame.

Il principale punto di svolta di quest’anno è venuto da un accordo di scambio tra le imprese statali Pdvsa e National Iranian Oil Company, Nioc, che è iniziato a settembre. Si è rivelato cruciale per generare qualità esportabili dal greggio extra-pesante prodotto nella regione superiore del Venezuela, la Cintura dell’Orinoco. I proventi in valuta forte dalle vendite di carburante e le maggiori esportazioni di petrolio verso l’Asia hanno anche permesso alla Pdvsa di ammortizzare alcuni debiti con le società di servizi e di saldare i debiti arretrati con la promessa di lavoro futuro e di permessi che hanno permesso ad alcune imprese nazionali di operare le piattaforme di workover.

A metà dicembre, c’erano un totale di 47 impianti di workover e manutenzione attivi nella Cintura dell’Orinoco e altri 29 in altre regioni, secondo un rapporto interno della Pdvsa. riporta Reuters. Lo stesso rapporto mostrava altri 19 impianti che erano inattivi; nessun impianto di perforazione attivo, necessario per costruire la capacità di produzione.

Il Venezuela ha riportato una produzione annuale di greggio di 569.000 bpd l’anno scorso e le sue esportazioni sono state in media di 627.000 bpd mentre Pdvsa ha svuotato le scorte. Gli analisti indipendenti hanno concordato che la produzione è rimbalzata. Nel Venezuela orientale, due progetti di greggio che hanno parzialmente ripristinato la produzione – Petro San Felix e Petrodelta – erano alla ricerca di finanziamenti per continuare ad aumentare la produzione.

Luigi Medici