È tregua in Colombia

76

CUBA – L’Avana 24/06/2016. Governo colombiano e Farc hanno concordato un cessate il fuoco il 22 giugno, cessando così le ostilità dopo 50 anni di guerriglia e 220mila morti.

Juan Manuel Santos e Rodrigo Londono hanno firmato il cessate il fuoco il 23 giugno a L’Avana, alla presenza dell’inviato speciale di Obama per i colloqui di pace, Bernard Aronson. Alla firma erano presenti il segretario generale Onu Ban Ki-moon e i presidenti di Cile e Venezuela.
Il cessate il fuoco è l’ultimo passo importante prima che entrambe le parti firmino un accordo di pace definitivo verso il 20 luglio dopo la risoluzione di alcuni problemi. L’accordo di pace sarà poi oggetto di un referendum. L’accordo comprende anche disposizioni di riforma agraria e darà agli oramai ex ribelli un qualche potere politico. Gli ex combattenti delle Farc potranno anche evitare il carcere in cambio dell’espletamento di servizi socialmente utili alla comunità colombiana e di alcune restrizioni di viaggio.
L’iter così lungo serve a garantire che sia non rispettato da un eventuale cambio di governo nel 2018; le due parti devono anche decidere chi presiederà il tribunale speciale per i crimini di guerra che prenderà in considerazione le accuse contro i combattenti di entrambe le parti.