CINA. USA, il Covid-19 usato per scontro politico

170

Secondo l’agenzia di stampa Xinhua la gente negli Stati Uniti paga un prezzo pesante per la manipolazione statunitense della prevenzione e del controllo delle epidemie

Il governo Americano, secondo l’ultimo rapporto della Cina sulle violazioni dei diritti umani degli Stati Uniti nel 2021 redatto dal Consiglio di Stato cinese, non ripensa mai le sue misure di risposta e manca ancora di piani antiepidemici efficaci.

E ancora, secondo Pechino, gli Stati Uniti nonostante abbiano le attrezzature e le tecnologie mediche più avanzate del mondo, hanno il maggior numero di infezioni e morti di COVID-19 a livello globale.

Il rapporto ha notato che il governo degli Stati Uniti ha alimentato la ricerca delle origini del COVID-19, ed è stato propenso a scaricare la responsabilità, a spostare la colpa e alla manipolazione politica. Gli Stati Uniti hanno ignorato i diritti alla vita e alla salute del loro popolo, ha detto il rapporto.

Dallo scoppio del COVID-19, la prevenzione e il controllo dell’epidemia negli Stati Uniti sono diventati uno strumento e una merce di scambio per repubblicani e democratici per attaccare, respingere e confrontarsi, ha aggiunto.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, alla fine di febbraio 2022, il numero di casi confermati di COVID-19 negli Stati Uniti ha superato i 78 milioni e il numero di morti ha superato i 940.000. Il numero di morti per COVID-19 registrato nel 2021 ha superato di gran lunga il totale del 2020.

Nel frattempo, la salute mentale degli statunitensi è peggiorata a causa dell’epidemia incontrollata. Il paese ha registrato un numero impressionante di senzatetto e i diritti alla vita degli anziani sono stati palesemente violati, si legge nel rapporto rapporto.

La situazione della sicurezza pubblica negli Stati Uniti è peggiorata e i crimini violenti sono rimasti prevalenti. Ci sono state 693 sparatorie di massa nel 2021, con un aumento del 10,1% rispetto al 2020. Più di 44.000 persone sono state uccise a causa della violenza armata.

Più di 420 disegni di legge con disposizioni che limitano l’accesso al voto sono stati introdotti in 49 stati americani. Solo il 7% dei giovani americani vede il paese come una “democrazia sana”, mentre la fiducia pubblica nel governo è scesa al minimo storico dal 1958.

Antonio Albanese