REGNO UNITO. BP, vende azioni Rosneft, ma poi cambia idea

251

Le reali conseguenze negative, per l’economia europea, post sanzioni alla Russia le conteremo tra qualche anno e c’è già un esempio eclatante del caos che ci aspetta, quello di British Petroleum che prima, sotto pressione del governo è stata costretta a proclamare la vendita della quota in Rosneft. Poi il 28 febbraio ha cambiato idea e ha cominciato a parlare di vendita lenta.

British Petroleum sarebbe intenzionata a cedere 14 miliardi di dollari nel gigante energetico russo Rosneft. La mossa di unirsi alla campagna anti-Russia potrebbe costare alla major britannica dell’energia fino a 25 miliardi di dollari entro la fine del primo trimestre di quest’annio. BP sta progettando di scaricare la sua partecipazione del 19,75% nella società petrolifera statale russa Rosneft. L’azienda è stata messa sotto pressione dal governo britannico. Alla fine dell’anno 2021, la partecipazione aveva un valore stimato di 14 miliardi di dollari.

L’azienda ha anche rimosso i pagamenti dei dividendi di Rosneft dal suo quadro finanziario. La BP non ha rivelato i dettagli su come sarebbe uscita dalla sua partecipazione. Nel frattempo si sa che i due direttori nominati dalla BP si dimetteranno anche dal consiglio di Rosneft. Essi includono il CEO Bernard Looney e l’ex CEO del gruppo BP Bob Dudley.

In un comunicato stampa, BP ha detto: «Le dimissioni richiederanno a BP di cambiare il suo trattamento contabile della sua partecipazione in Rosneft e, di conseguenza, si aspetta di segnalare un onere materiale non monetario con i suoi risultati del primo trimestre 2022, che saranno riportati a maggio». Il gigante britannico del petrolio e del gas, che detiene la partecipazione nella società russa dal 2013, non riporterà anche le riserve, la produzione o il profitto di Rosneft. BP uscirà anche da altre attività russe con Rosneft. Queste includono tre joint venture che erano valutate a circa 1,4 miliardi di dollari alla fine del 2021. All’inizio di questo mese, BP ha annunciato di aver iniziato le operazioni al suo progetto di espansione Herschel, nel Golfo del Messico.

Il segretario di Stato per gli affari, l’energia e la strategia industriale Kwasi Kwarteng, che ha chiamato Looney per un incontro venerdì, ha accolto con favore la vendita. “L’invasione non provocata della Russia in Ucraina deve essere un campanello d’allarme per le imprese britanniche con interessi commerciali nella Russia di Putin”, ha detto. La risposta internazionale all’invasione è aumentata durante il fine settimana, con alcune banche russe ora bloccate dall’uso del sistema di trasferimento Swift e gli Stati Uniti che limitano l’accesso della banca centrale alle riserve internazionali. Il fondo patrimoniale norvegese ha anche detto che avrebbe venduto le attività russe.

L’assenza di Rosneft si farà sentire sul conto economico. L’anno scorso, quando la società ha beneficiato di prezzi del petrolio e del gas molto più alti, Rosneft ha contribuito con 2,4 miliardi di dollari (1,78 miliardi di sterline) in profitti a costi di sostituzione prima di interessi e tasse (la misura preferita dalla BP), circa il 17% del totale. L’analista di Jefferies Giacomo Romeo, all’investorschronicle, ha detto che una vendita privata era più probabile, ma questo sarebbe venuto ad uno “sconto materiale”. Gli attuali azionisti di Rosneft includono la Qatar Investment Authority, che ha una partecipazione simile alla BP, mentre la società ha anche forti legami con la Cina, sostenitrice della Russia, attraverso accordi di fornitura. L’analista Biraj Borkhataria di RBC Capital Markets ha detto che qualsiasi vendita sarebbe stata “estremamente impegnativa”, anche se era positiva sulla mossa complessiva, dicendo che avrebbe rimosso un punto d’orso dal caso di investimento a lungo termine.

Lucia Giannini