Proteste in Armenia contro il caro bolletta

5

ARMENIA -Yerevan. 17/06/15. La Commissione sulla regolamentazione dei servizi pubblici (CRPS) a Yerevan ha iniziato a discutere l’applicazione di CJSC di un eventuale aumento delle tariffe elettriche.

Il CEO, Yevgeny Bibin ha detto che non ha potuto partecipare alla riunione della commissione. A quanto si apprende dalla testata kavkaz-uzel.ru ci sarebbero in Armenia una ventata di proteste per questi aumenti. L’aumento previsto porterebbe le tariffe a 6,93 dram per 1 kW / h. Yevgeny Bibin inviato PSRC Presidente Robert Nazaryan lettera, nella quale egli ha osservato che “la sua partecipazione alla riunione odierna della commissione, non è possibile”, ha detto al “Caucasian Knot”, il servizio stampa del PSRC. Ricordiamo Yevgeny Bibin anche non ha partecipato alla sessione parlamentare nel corso della quale ha discusso l’aumento del prezzo dell’energia elettrica. Intorno all’edificio del PUC continuano le proteste dell’Unione della Gioventù di ARF “Dashnaktsutyun” e l’Unione degli studenti “Nikol Abgalyan”, riferisce il ”Caucasian Knot”. Secondo gli organizzatori, alla manifestazione hanno partecipato più di 200 persone. I manifestanti chiedendo di fermare l’aumento delle tariffe elettriche. La polizia non consente ai manifestanti di radunarsi in più file. Tra polizia e manifestanti hanno avuto luogo le piccole scaramucce, ma polizia è riuscita a ristabilire l’ordine. Si noti che le informazioni circa il presunto aumento delle tariffe di energia elettrica ha causato una protesta pubblica in Armenia. Le proteste di massa si sono svolte il 27 maggio in15 città . I loro membri hanno dato sindaci la lettera con i requisiti della “soppressione di un aumento del prezzo dell’energia elettrica. La protesta contro l’aumento del costo dell’energia ora viaggia sui social network, il gruppo Facebook “No rapina” e ha sostenuto l’iniziativa del partito “Congresso nazionale armeno”.

CONDIVIDI
Articolo precedente2000 russi in IS
Articolo successivoIl digiuno secondo IS