RUSSIA. DAESH investe in Occidente

109

La Russia ha informazioni su Daesh che cerca di investire in progetti nell’Europa occidentale attraverso le banche del Medio Oriente.

Secondo Dmitry Feoktistov, direttore del Dipartimento sulle nuove sfide e minacce del ministero degli Esteri russo, ripreso da Sputnik, queste informazioni sono state condivise con gli Stati Uniti. «Al fine di fornire prove, abbiamo condiviso con gli americani i nomi delle banche coinvolte nell’investire denaro in due paesi dell’Europa occidentale», ha detto a seguito di un incontro con una delegazione statunitense durante un incontro della Task Force d’azione finanziaria, Fatf, organizzazione intergovernativa creata per combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Il diplomatico russo non ha nominato i paesi ma ha detto che Washington «ha iniziato a lavorare sulle informazioni e ha espresso il suo apprezzamento». Secondo Feoktistov, in precedenza c’erano già rapporti sui tentativi di Daesh di investire nel mercato immobiliare a New York e in Turchia. Inoltre, il diplomatico ha osservato che l’operazione anti-terrorismo in Siria e in Iraq ha comportato una significativa riduzione dei ricavi dal petrolio e dal gas naturale di Daesh. Negli ultimi due anni, i loro introiti mensili derivanti dal settore energia sono scesi da 50 milioni a 12-20 milioni di dollari. Dall’inizio dell’operazione, la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha distrutto quasi 2000 autocisterne di Daesh; e le forze aerospaziali russe hanno distrutto in Siria circa 4000 autocisterne, 206 impianti di produzione di petrolio e gas, 176 impianti di raffinazione e 112 impianti di trasporto di petrolio.

Per questo lo Stato Islamico sta cercando di trovare nuove fonti di reddito come estorsioni, riscatti e traffico di artefatti culturali. Non solo: Feoktistov ha anche affermato che Daesh ha tentato di prendere il controllo sul contrabbando di droga proveniente dall’Afghanistan e su quello dei migranti in Europa. Il Califfato ha anche tentato di investire nei prodotti farmaceutici, nell’industria medica e nelle costruzioni; ad oggi, Daesh vende anche grano e segale sul mercato dei cereali.

Inoltre, per compensare le perdite, i terroristi vogliono vendere altre risorse naturali. Inoltre Daesh ha preso il controllo di una miniera di fosfato e di un impianto di produzione di acido fosforico in Iraq e di miniere di sale, cementifici e altri impianti in Siria.

La Russia ha offerto agli Stati Uniti di preparare insieme una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu per un embargo commerciale e economico completo su Daesh, considerato il modo più efficiente per tagliarne il finanziamento. La Russia ha preso contatti anche con i rappresentanti di Siria e Iraq, nonché con la Cina, il Kazakistan, oltre gli Stati Uniti e altri membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Anna Lotti