MAR CINESE MERIDIONALE. Ci si prepara allo scontro USA-Cina,con Taiwan nel mezzo

282

Nel 2020 gli Stati Uniti hanno intensificato le operazioni militari nelle acque vicine alla Cina, mentre il rischio di scontri tra le due nazioni continua a crescere.

Finora quest’anno, gli aerei delle forze armate statunitensi hanno effettuato 39 voli sul Mar Cinese Meridionale, sul Mar Cinese Orientale, sul Mar Giallo e sullo Stretto di Taiwan – più di tre volte il numero effettuato nel periodo equivalente del 2019. Due dei voli sono passati vicino a Hong Kong.

Nel frattempo, riporta Scmp, la Marina degli Stati Uniti ha condotto quattro operazioni della Libertà di Navigazione nel Mar Cinese Meridionale nei primi quattro mesi dell’anno, contro appena otto per tutto il 2019, con l’ultima il 29 aprile, quando l’incrociatore lanciamissili Uss Bunker Hill ha attraversato la catena delle Isole Spratly, L’8 maggio la nave da combattimento USS Montgomery e la nave da carico Usns Cesar Chavez sono state segnalate nel Mar Cinese Meridionale.

«Le nostre forze volano, navigano e operano nelle acque internazionali del Mar Cinese Meridionale a nostra discrezione e in conformità con le norme marittime e il diritto internazionale, dimostrando la vasta gamma di capacità navali che abbiamo a disposizione nell’Indo-Pacifico», ha fatto sapere l’Expeditionary Strike Group 7. Mentre gli Stati Uniti non hanno rivendicazioni marittime né nel Mar Cinese orientale né in quello Meridionale, mantengono una forte presenza militare nella regione per mostrare il loro sostegno ai loro alleati e per contrastare la costruzione di strutture militari in Cina e le posizioni sempre più aggressive. Il Segretario alla Difesa americano Mark Esper ha dichiarato che vorrebbe aumentare gli investimenti militari nella regione.

«È un modo per mantenere un certo grado di prevedibilità strategica per assicurare la prontezza della nostra forza, ma ottenere un più alto grado di imprevedibilità operativa», ha detto in un seminario online, aggiungendo che l’aumento del numero di operazioni di navigazione e di voli militari ha reso le cose più imprevedibili per la Cina.

Il Comando Indo-Pacifico degli Stati Uniti «ha fatto un buon lavoro in termini di mantenimento di quella dimostrazione di forza, di deterrenza, di capacità e di prontezza di cui abbiamo bisogno nella regione», ha detto Esper.

Nonostante la pandemia Covid-19, né la Cina né gli Stati Uniti hanno rallentato la loro attività militare.

Gli aerei dell’Esercito di Liberazione del Popolo sono stati avvistati almeno sei volte quest’anno in volo vicino allo spazio aereo di Taiwan, mentre il gruppo di attacco delle portaerei Liaoning è stato visto due volte il mese scorso nelle vicinanze dell’isola.

Anche il Southern Theatre Command del Pla, che sovrintende al Mar Cinese Meridionale, ha dichiarato di aver partecipato ad un’esercitazione di addestramento antisommergibile in aprile. 

Antonio Albanese