La Libia al Dubai Air Show

68

LIBIA – Tripoli 23/11/2013. Alti gradi dell’aeronautica militare libica hanno preso parte all’edizione 2013 del Dubai Air Show , la più grande fiera dell’aviazione civile e militare del mondo.

In questa sede, rappresentanti del ministero della Difesa e dell’Aeronautica hanno avuto l’opportunità di discutere le esigenze del paese con alcune delle migliori aziende aerospaziali del mondo, tra cui la Lockheed Martin, riporta il Libya Herald. All’inizio del 2013, la Libia ha annunciato l’acquisto di due velivoli C130J Super Hercules, prodotti dalla Lockheed Martin. Altri contatti rilevanti sono avvenuto con Boeing costruttori dei Chinook CH- 47, di estremo interesse per la Libia che avrebbe chiesto tra sei e 22 elicotteri. «Tutto l’universo dell’aviazione civile e militare è qui e noi abbiamo una grand opportunità per il nostro paese» ha detto il comandante delle operazioni eliportate occidentali della Libia, colonnello Nasser Bousnina. Ribadendo quanto detto da Ali Zeidan durante una recente visita a Bengasi, Bousnina ha detto che l’Aeronautica militare libica ha bisogno di sostegno nelle attrezzature e nella formazione. «Per essere forte, la Libia ha bisogno che il governo sostenga le sue forze armate e che noi, a nostra volta, difendiamo il nostro paese e il nostro popolo dalle minacce nazionali ed estere», ha aggiunto. Il settore aereo civile libico era presente con la nuova compagnia aerea privata Libyan Wings che ha firmato un memorandum d’intesa con Airbus per l’acquisto di sette nuovi aeromobili.

L’accordo prevede che Libyan Wings compri tre A500-900 e quattro A320neo, con un prezzo di 1,3 miliardi di dollari; gli A350 inizieranno ad essere consegnati nella seconda metà del 2014. «Gli A350 e A320neo avranno un ruolo importante nel garantire che la nostra nuova compagnia operi con una delle flotte più moderne ed efficienti nella regione del Medio Oriente», ha detto il presidente di Libyan Wings, Wisam Al Masri. La compagnia libica prevede di diventare operativa nel 2014: offrirà inizialmente voli interni e regionali serviti con A320. «Libyan Wings è qui per dimostrare che abbiamo intenzione di avere un impatto in questo mercato (…) Noi vogliamo giocare un ruolo nel contribuire a rivoluzionare e migliorare le infrastrutture aeroportuali in Libia», ha detto Ali Haret Alfasi, manager della compagnia.  La Libia è oggi considerata un’opzione interessante per molte aziende internazionali: la britannica Bristow Helicopters, fornitrice delle forze armate britanniche, ha detto che la Libia era uno dei 16 paesi che aveva identificato come luogo di nuove opportunità. Anche il Canada, inoltre, ha considerato la Libia come un importante partner commerciale, in particolare nel settore dell’istruzione e della formazione. Poiché alle compagnie aeree libiche è ancora vietato sorvolare lo spazio aereo europeo, l’addestramento e ricertificazione dei piloti occupano posti di rilievo nella scala delle priorità dell’aviazione libica, civile e militare.