IRAN. Il Covid19 potrebbe essere più diffuso di quanto sembra

114

Con l’aumento dei casi di coronavirus e dei decessi in Iran, gli esperti internazionali hanno avvertito che l’epidemia nella Repubblica Islamica potrebbe essere molto peggiore di quanto riportato ufficialmente, e saranno necessari aiuti d’emergenza per aiutare il paese colpito dalle sanzioni ad evitare una crisi umanitaria.

Cinquanta persone, ad oggi, sono morte a causa del nuovo coronavirus nella città santa musulmana sciita di Qom questo mese, riporta Ilna, ripresa da Scmp.

Il nuovo dato, che deve ancora essere confermato dal governo, è significativamente più alto del conteggio ufficiale, che secondo la televisione di Stato è di 12 morti su 47 infezioni confermate. Più di 250 persone sono messe in quarantena nella città, che è un luogo popolare di studio religioso per gli sciiti di tutto l’Iran e di altri Paesi, prosegue l’agenzia iraniana.

Rispetto ad altri punti caldi del coronavirus, l’Iran ha un tasso di mortalità insolitamente alto. Ciò ha spinto gli esperti a chiedersi se ci sia stato un occultamento ufficiale della portata dell’epidemia e se il Paese sarà in grado di contenere la malattia mortale.

L’Iran ha riportato i primi casi del virus il 13 febbraio e i primi decessi sei giorni dopo, due giorni prima delle elezioni legislative quadriennali del Paese di venerdì scorso, che hanno avuto un’affluenza alle urne insolitamente bassa a causa dei diffusi timori sulla malattia. Le autorità iraniane hanno annunciato la chiusura per una settimana di scuole, università e centri culturali in tutte le 14 province del Paese, nel tentativo di limitare la diffusione del virus.

Ma il governo di Teheran non ha ancora rilasciato informazioni sull’epidemia, compreso il numero di persone in quarantena e il tipo di aiuti medici e di altro tipo di cui potrebbe aver bisogno per combattere la malattia.

Il virus sembra essersi diffuso rapidamente nella regione, con i Paesi vicini che hanno segnalato infezioni tra le persone in viaggio dall’Iran. Diversi Paesi, tra cui Turchia, Iraq e Pakistan, hanno chiuso i loro confini con l’Iran. Molti altri, tra cui Arabia Saudita, Kuwait e Afghanistan, hanno imposto restrizioni ai viaggi e all’immigrazione nella Repubblica Islamica.

Tuttavia, il leader supremo del Paese, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha cercato di minimizzare l’epidemia, accusando i nemici di Teheran di fare “propaganda negativa” sulla minaccia del coronavirus per minare le elezioni, senza nominare gli Stati Uniti. 

L’economia e il sistema sanitario iraniano erano stati duramente colpiti dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti sul programma nucleare di Teheran fin dagli anni Ottanta, in particolare quelle imposte dopo che il presidente Donald Trump aveva ritirato Washington dall’accordo nucleare iraniano nell’agosto 2018.

Secondo Human Rights Watch, nel 2019 il settore sanitario del Paese è stato gravemente colpito dall’ultima serie di sanzioni statunitensi, mettendo in pericolo i pazienti di cancro e altre patologie gravi, poiché senza accesso a medicinali salvavita. 

Nelle prime fasi dell’epidemia di covid19 in Cina, l’Iran ha inviato 3 milioni di maschere facciali alla Cina all’inizio di questo mese, ma dopo le riscontrate carenze di maschere nel Paese, Teheran ha vietato ulteriori esportazioni di maschere verso la Cina. L’Iran, isolato dai suoi alleati e dalle potenze regionali come Israele e l’Arabia Saudita, vede la Cina come un potente alleato e la sua ancora di salvezza economica, e sembra destinato ad aumentare questa dipendenza. 

La Cina potrebbe quindi non aver bisogno di prendere le distanze dall’Iran come ha fatto in passato per evitare le conseguenti reazioni di Washington, anzi. Va ricordato in chiusura che la Cina rimane il più grande acquirente di petrolio iraniano nonostante le sanzioni statunitensi sul commercio di greggio, con le compagnie petrolifere private cinesi che giocano un ruolo di primo piano. 

Graziella Giangiulio