Portate via i cristiani dall’Iraq

31

IRAQ – Mosul. 27/08/14. Sin dagli esordi ISIS si è caratterizzato per la sua forte imposizione religiosa. In ogni paese in cui è arrivato conquistando il territoritorio ha imposto ai gruppi appartenenti ad altre religioni 3 scelte: conversione, pagamento in lingotti d’oro per la fuga, il taglio della testa. Ora ISIS ha dato un ultimatim una settimana per decidere se convertirsi o morire. 

Notizia, quella delel tre opzioni date da ISIS a chi non giura fedeltà al Califfato, passata in sordina per molti giorni fino a che il numero degli sfollati non aderenti alla religione del Califfo, un Islam sunnita rivisitato, sono diventati migliaia. Nei video postati dai membri dello Stato Islamico sui territori conquistati, si vedono anche bambini con teste mozzate. La loro colpa è quella di non essersi convertiti all’Islam del Califfo. 

Ora l’allarme sale perché ISIS ha deciso di «imporre una ‘tassa speciale’ ai cristiani iracheni. Migliaia di cristiani hanno lasciato Mosul nel mese di luglio dopo che il gruppo ha dato l’ultimatum, dicendo che se non si fossero convertiti per loro c’era solo la spada». Fonte JiahdWach.org. Lo stato Islamico si giustifica citando il Corano: «Combattete coloro che non credono in Dio. E nell’Ultimo Giorno, coloro che […] né riconoscono la religione della Verità, (anche se sono) del Popolo del Libro, finché non paghino la jizya con volontaria sottomissione, e si sentono sottomessi». (Corano 09:29) Sostanzialmente la tassa è da pagare anche se ci si sottomette.

Un rapporto di Worldwatch Monitor racconta quanto scritto sull’account personale di un iracheno cristiano, Mikha Qasha. Nel mese di agosto, WWM ha riferito che Qasha, un paralitico anziano, è stato spostato dalla sua casa di Qaraqosh dopo che i membri ISIS lo hanno minacciato con le armi dargli una settimana per lasciare la casa, convertirsi all’Islam o “affrontare la spada”». Qasha finalmente ha trovato sua nipote ed è stato portato a Ankawa, l’Iraq, il quartiere a maggioranza cristiana nella provincia di Erbil. «ISIS», si legge nel resoconto del cristiano iracheno, «sta dando l’ultimatum dato che il gruppo ha conquistato Mosul, capitale della regione Ninive nel nord dell’Iraq, nel mese di giugno». 

Dei 3.500 cristiani che vivono a Mosul, WWM riferisce che circa 25 di loro hanno deciso di rimanere a Mosul. Da allora, nove si sono convertiti all’Islam e gli altri stanno pagando una tassa islamica per i non musulmani chiamati jizya. Più tardi, ISIS ha chiesto una decisione immediata da parte del piccolo gruppo di cristiani iracheni, e si è sparsa la voce che ora stanno dando a tutti i non-musulmani una settimana per decidere.  Le Nazioni Unite hanno lanciato una grande operazione di aiuto 20 agosto fornendo tende e altri beni di Erbil via terra, aria e mare.  L’Arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, ha detto WWM che la persecuzione cristiana in Iraq è “fuori scala”.  Welby ha detto che i membri del gruppo terroristico sono «particolarmente selvaggi» e «la comunità internazionale deve documentare le violazioni dei diritti umani nel nord dell’Iraq in modo che gli autori possono poi essere perseguiti». 

Alcuni rifugiati non-musulmani hanno trovato rifugio in un campo profughi Ankawa. WWM riferisce che un gruppo di lavoratori della chiesa stanno attualmente aiutando più di 360 famiglie che soggiornano in Erbil. Delle famiglie, 216 vivono nel cortile della chiesa. Il gruppo serve la colazione, il pranzo e la cena a più di un migliaio di persone ogni giorno.