Nel sangue la contesa di confine Guatemala-Belize

37

GUATEMALA – Città del Guatemala 22/04/2016. Il Guatemala ha accusato le forze di sicurezza del Belize di aver colpito a morte un adolescente guatemalteco durante uno scontro sulla contesa linea di confine tra le due nazioni centroamericane.

Julio Rene R.C., 13 anni, riporta il Laht, è stato ucciso il 20 aprile, mentre il fratello di 11 anni, e il padre dei ragazzi sono rimasti feriti, ha detto il governo guatemalteco in un comunicato. Il presidente Jimmy Morales in un messaggio, ha annunciato di aver richiamato l’ambasciatore in Belize per consultazioni. Il Guatemala ha denunciato la sparatoria alla Commissione Inter-Americana sui diritti umani e ha chiesto che il governo del Belize spieghi le motivazioni dell’apertura del fuoco su due ragazzi di 13 e 11 anni. Il confine è l’oggetto di una lite che risale al 1820, quando il Guatemala divenne indipendente dalla Spagna e il Belize era una colonia britannica. Il Belize è indipendente dal 1981, ma il Guatemala non ha riconosciuto formalmente il suo vicino fino al 1991 e continua a rivendicare più della metà dei 22.965 chilometri quadrati della ex colonia britannica. Nel 2008, i due paesi hanno concordato di sottoporre la controversia alla Corte internazionale di Giustizia dell’Aja, ma l’accordo non è mai stato attuato, perché non è stato possibile soddisfare il requisito che prevede un referendum simultaneo nei due paesi.
Sette anni più tardi, le parti hanno firmato un protocollo addizionale che permette plebisciti non simultanei. Il Congresso del Guatemala, tuttavia, deve ancora ratificare la revisione dell’iter.