Giordania, manifestazione contro Israele

97

GIORDANIA – Amman. 16/03/14. Centinaia di manifestanti giordani hanno manifestato contro l’ambasciata israeliana ad Amman per protestare contro l’uccisione di un giudice giordano da parte delle guardie di frontiera israeliane lunedì scorso.

I manifestanti hanno chiesto al governo di chiudere la missione diplomatica israeliana ad Amman e di revocare un trattato di pace del 1994 con lo Stato ebraico autoproclamato. «La protesta è il minimo che possiamo fare contro l’arroganza dell’occupazione israeliana e il suo disprezzo per il sangue arabo e musulmano» ha detto Salem al- Falahat, leader dei Fratelli Musulmani in Giordania alla Anadolu Agency. La protesta ha attirato un’ampia partecipazione dei giordani islamisiti, gruppi nazionalisti e di sinistra. Il giudice Raed Zeiter è stato ucciso dai soldati israeliani lunedì, vicino al re Hussein Bridge (il ponte di Allenby) che collega la Giordania alla Cisgiordania occupata da Israele. Secondo i media israeliani, Zeiter aveva tentato di afferrare la pistola di un soldato israeliano costringendo quest’ultimo a sparargli. Martedì scorso, il primo ministro Abdallah Ensour ha detto al parlamento che Israele aveva presentato scuse formali per il Regno hascemita per l’omicidio del giudice a seguito della pressione esercitata dal governo giordano.