COREA DEL NORD. Pyongyang: “Trump bugiardo. A scherzare col fuoco ci si fa male”

2788

La Corea del Nord ha condannato violentemente le esercitazioni missilistiche e aeree congiunte degli Stati Uniti e della Corea del Sud contro Pyongyang, e hanno accusato Washington di spingere la penisola al «punto di non ritorno» della guerra nucleare.

I due paesi alleati hanno effettuato l’esercitazione missilistica ed aerea in rappresaglia al test Icbm nordcoreano della settimana scorsa con il quale Pyongyang sarebbe in grado di colpire l’Alaska.

Il quotidiano Rodong Sinmun ha accusato Washington e Seoul di far alzare le tensioni in questa maniera. Nell’editoriale “Non giocate con fuoco su un barile di polvere”, il regime afferma: «Gli Stati Uniti, con la loro pericolosa provocazione militare, stanno aumentando il rischio di una guerra nucleare sulla penisola portandolo a un punto di non ritorno».

Pyongyang ha descritto l’esercitazione congiunta come «un pericoloso attacco militare di guerrafondai che tentano di innescare il fusibile di una guerra nucleare sulla penisola (…) Un piccolo errore di giudizio o un semplice errore può immediatamente portare all’inizio di una guerra nucleare che inevitabilmente porterà ad un’altra guerra mondiale». L’Agenzia statunitense antimissile ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe presto testato un sistema missilistico anti-balistico proprio in Alaska.

In un altro commento il giornale il giornale accusa direttamente Trump dandogli del bugiardo: «Ciò dimostra che l’affermazione dell’amministrazione di Trump di “non invadere, ma garantire il sistema” è una bugia enorme ed è solo un trucco per coprire la sua vera intenzione di muoverci guerra attraverso un attacco a sorpresa (…) Gli Usa dovrebbero chiaramente capire che l’opzione dell’attacco militare è un atto estremamente stupido, e fissa il collo al cappio.

Trump dovrebbe sapere che la Rpdc ha un’opzione militare potente, quella di ridurre la terraferma degli Stati Uniti in cenere, per far fronte all’attacco militare Usa».

Le autorità della Corea del sud non potranno mai muoversi, una volta che la guerra scoppierà in quanto vogliono nascondere il tentativo degli Stati Uniti con parole come “dialogo” e “ruolo guida”.

L’attacco militare contro la Rpdc sarà la peggiore opzione per accelerare la fine degli Stati Uniti e dei suoi burattini».

Antonio Albanese