CINA. Xi Jinping dice ai Marines di prepararsi alla guerra

440

Il presidente cinese Xi Jinping ha trascorso il secondo giorno del suo tour nella regione del Guangdong visitando una base militare, dove ha invitato i marines a migliorare la prontezza di combattimento e a essere pronti.

Nella base militare vicino a Shantou, nella parte orientale della provincia, Xi ha detto ai marines di puntare ad essere una forza combattente «multifunzionale, di risposta rapida, per tutte le stagioni e per la regione», riporta Scmp.

«Dovreste concentrare le vostre menti e le vostre energie nel prepararvi ad andare in guerra, e rimanere altamente vigili», ha detto Xi, secondo il canale televisivo statale Cctv.

«I Marines hanno molte missioni diverse e le richieste che vi saranno rivolte variano», ha detto il presidente cinese.

«Come tali, voi dovreste basare il vostro addestramento sulla necessità di andare in battaglia… e aumentare i vostri standard di addestramento e la capacità di combattimento», ha poi aggiunto. Xi, che è anche presidente della Commissione militare centrale, ha detto ai Marines che dovrebbero assumersi «l’importante responsabilità» di salvaguardare il territorio e la sovranità cinese, gli interessi marittimi del Paese e i suoi interessi oltreoceano, velati riferimenti alle richieste di Pechino a Taiwan e al Mar Cinese Meridionale.

La visita di Xi arriva con l’aumentare delle tensioni attraverso lo stretto di Taiwan e in mezzo alle contrapposizioni tra gli Stati Uniti e Pechino su Taiwan, che Pechino ha giurato di portare sotto il suo controllo, se necessario, con la forza.

Il portavoce del ministero degli Esteri, Zhao Lijian, ha detto poi il 13 ottobre che Pechino si prepara a fare rappresaglie in risposta alle notizie secondo cui il Congresso degli Stati Uniti sta esaminando tre accordi per fornire a Taiwan armi avanzate: «Gli Stati Uniti dovrebbero immediatamente annullare le previste vendite di armi a Taiwan, fermare qualsiasi accordo sulle armi e interrompere i loro legami militari», ha detto Zhao.

Antonio Albanese