CINA. Pechino e Nuova Delhi rafforzano la comunicazione militare 

79

Lo scorso 28 aprile, la Cina e l’India si sono impegnate a migliorare le comunicazioni militari per evitare il ripetersi dello stallo dello scorso anno lungo i loro 3.500 km di confine comune, rimettendo in moto le loro relazioni. Il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente cinese Xi Jinping hanno entrambi sottolineato che le due nazioni dovrebbero lavorare per approfondire la fiducia reciproca in una serie di colloqui informali nella città cinese di Wuhan. Nella due giorni”informale” Xi e Modi hanno anche deciso di lavorare insieme per un’economia globale aperta e sostenere un sistema commerciale multilaterale, riporta Scmp.

«Il rapporto Cina-India dovrebbe essere stabile e in via di sviluppo, con la fiducia reciproca come fondamento», ha detto Xi ripreso da Xinhua; l’agenzia cinese poi prosegue: «Nella fase successiva, i due paesi dovrebbero elaborare un piano globale di cooperazione e migliorare ulteriormente la comunicazione strategica per consentire negoziati tempestivi sulle questioni principali (…) I leader hanno anche accettato di gestire correttamente le controversie attraverso un’equa composizione delle loro controversie di confine».

Il ministro degli Esteri indiano Vijay Gokhale ha detto che le due parti si sono impegnate a migliorare la comunicazione tra le loro forze armate per mantenere la pace al confine, e che hanno la lungimiranza politica di gestire le loro differenze pacificamente attraverso colloqui. Pechino e Nuova Delhi hanno cercato di affrontare questioni relative ai confini attraverso vari meccanismi e dialoghi da quando le due parti hanno combattuto una breve ma sanguinosa guerra nel 1962, ma i progressi sono stati scarsi e le tensioni hanno continuato a accendersi.

Ciò include un accordo di cooperazione per la difesa delle frontiere firmato nel 2013, volto a mantenere la pace lungo la linea stabilita nel 1993. L’anno scorso le tensioni si sono inasprite durante un periodo di stallo militare di due mesi lungo l’altopiano del Doklam, parte controversa del confine dell’Himalaya.

Tommaso dal Passo