INDIA. Pechino e Nuova Delhi vogliono riavvicinarsi

71

La Cina e l’India hanno deciso di lavorare insieme per ricostruire uncina di fiducia reciproca mentre le tensioni tra i due continuano a essere presenti lungo il confine. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha tenuto colloqui bilaterali con il ministro degli Affari esteri indiano Sushma Swaraj dopo essersi recato a Nuova Delhi per partecipare alla XV riunione trilaterale dei ministri degli Esteri Russia-India-Cina, riporta Scmp.

La sua è stata la prima visita in India da parte di un alto funzionario cinese da quando i due paesi si sono confrontati sull’altopiano di Doklam presso la tripartizione dei confini India-Bhutan-Cina in Himalaya durata più di 10 settimane la scorsa estate. «Il ministro degli Esteri Wang Yi ed io abbiamo convenuto che dovremmo rafforzare ulteriormente la nostra fiducia reciproca per sviluppare una migliore comprensione tra le due parti», ha detto Swaraj dopo la riunione. «E sarà meglio incontrarsi di nuovo e senza un ordine del giorno, che ci aiuterà ad ampliare la nostra comprensione reciproca», ha dichiarato Wang in una conferenza stampa congiunta, in cui i due ministri hanno concordato sulla necessità di trovare soluzioni politiche alle controversie internazionali. «Rispettiamo il dialogo e le consultazioni tra le parti interessate e ci opponiamo a qualsiasi uso indiscriminato della forza», ha dichiarato.

L’incontro è venuto dopo che la Cina ha confermato alla fine di novembre per la prima volta dopo il confronto che non aveva ritirato le sue truppe dal Doklam – Donglang in cinese. La Cina ha tra 1.600 e 1.800 uomini di stanza nella zona, così come caserme e due eliporti. I media indiani hanno riacceso la tensione suggerendo che la Cina stava progettando di costruire una base militare permanente nella regione. Nel frattempo, la Cina ha accusato l’India di invadere il suo spazio aereo e ha chiesto scuse pubbliche dopo che un drone indiano si è schiantato in una zona controllata dalla Cina.

Anche se Wang e Swaraj non potevano risolvere il confronto, la riunione dell’11 dicembre ha avuto un’importanza simbolica, riporta il giornale: le due potenze asiatiche stanno almeno cercando di mettere da parte le questioni di confine e reimpostare il loro rapporto.

Maddalena Ingroia