BITCOIN. Aumentano negli Usa le cause sulle criptovalute

158

Quest’anno i mercati della criptovaluta negli Usa sono stati pesantemente colpiti, crollando oltre il 70% in soli otto mesi e le uniche cose in crescita nel settore al momento sono le azioni legali collegate alle cripto.

Secondo un rapporto della piattaforma di analisi legale Lex Machina, ripreso da Asia Times, il 2018 ha visto un significativo aumento dei contenziosi relativi ai titoli e alle valute digitali. 

Il Securities Litigation Report 2018 mette in evidenza le recenti tendenze tratte dal suo database di oltre 15.000 cause in materia di titoli intentate nei tribunali distrettuali federali dal 2009. Il rapporto prende le statistiche dei primi due trimestri di quest’anno e le confronta con il 2017. L’anno scorso ci sono stati solo 15 casi che hanno visto coinvolti Bitcoin o blockchain, mentre nella prima metà del 2018 la cifra è balzata a 45. I principali risultati hanno rivelato che i casi di deposito dei titoli hanno raggiunto il massimo storico, 2.622 casi, con un aumento del 60% rispetto ai 18 mesi precedenti.  

Il National Law Journal riporta che le cause in materia di titoli intentate per cripto-valute o Bitcoin sono finora triplicate quest’anno, quando il presidente della Sec Jay Clayton ha annunciato un giro di vite sull’industri. Lex Machina ha aggiunto che secondo il Securities Litigation Report del 2018, sono emerse molte nuove tendenze inaspettate. L’aumento significativo del numero di cause depositate e l’aumento del numero di cause che sono state archiviate nella fase processuale dovrebbe costringere gli avvocati in materia di titoli di entrambe le parti a sfruttare i dati per informare e creare nuove strategie di contenzioso. 

Man mano che il settore matura e le valute cripto diventano una forma di pagamento quotidiano largamente adottata o diventano una riserva di ricchezza, è probabile che il contenzioso che le coinvolge aumenti ad un ritmo maggiore.

Tommaso dal Passo