Messico: la violenza fa perdere il 27,7% del Pil

53

MESSICO – Città del Messico. 30/11/13. Il Messico dovrebbe lavorare a stretto contatto con gli Stati Uniti per frenare il contrabbando di armi dagli USA e ridurre così la violenza e le uccisioni, ha detto a Efe il capo dell’Istituto per l’Economia e la Pace (IEP), Steve Killelea. 

 

«La pressione del Messico non può cambiare il governo degli Stati Uniti, ma potrebbe essere in grado di migliorare alcuni aspetti della legge per controllare l’afflusso di armi illegali», ha detto Killelea in un’intervista a Efe. L’esperto ha presentato a Città del Messico l’Index Paz Messico, secondo cui i «costi diretti della violenza per l’economia messicana sono pari al 3,8% del PIL», mentre i conti indiretti per il 12 %, per un totale di 2.490 milioni di pesos (US $ 191.538.000). Killelea ha osservato che il flusso illegale di armi verso il Messico dagli Stati Uniti è uno dei fattori che minacciano la pace nel Paese.

Secondo il PEI , «il numero di pistole di contrabbando in Messico è aumentato notevolmente negli ultimi dieci anni », quasi tre volte superiore nel periodo 2010-2012 rispetto al 1997-1999 . «Una delle cose che abbiamo trovato nello studio è che la criminalità che usa la pistola negli ultimi dieci anni, è aumentato 117 per cento. Cioè eccezionalmente elevata», ha avvertito l’amministratore delegato di IEP, in una ricerca compilata dal Global Index per la pace. L’esperto suggerisce al Messico di concentrare i propri sforzi con gli Stati Uniti «per migliorare la rilevazione di armi illecite» alla frontiera e «scoprire le band che si occupano del traffico di armi» insieme agli USA. «La questione delle armi negli Stati Uniti è una questione molto complessa e molto, molto difficile da risolvere», ha ammesso . Per quanto riguarda l’impatto del Messico nel Peace Index, che raggiungerà i funzionari del Ministero degli Interni (Interni) , Killelea sperava che contribuissero a generare un “dibattito informato ” circa l’evoluzione della violenza nel paese. 

L’esperto si è rifiutato di dare  «raccomandazioni politiche su quanto sta accadendo in Messico» e ha preferito lasciare la parola ad «alcune parti della ricerca del paese», perché sono più vicini alla situazione reale. «Le misurazioni IEP si basano su aspetti che hanno a che fare con la soppressione e il controllo della violenza» in un primo momento, poi hanno introdotto un nuovo concetto che funziona nel lungo termine, «pace positiva». Questo concetto è costruito analizzando gli atteggiamenti, le istituzioni e le strutture che contribuiscono a una società pacifica. I sette indicatori analizzati nella Peace Index figure Messico sono: omicidi, crimini violenti, offesa da armi da fuoco, prigionia, e il finanziamento del sistema giudiziario e il livello di criminalità organizzata. Secondo lo studio, compilato dai dati dell’Istituto Nazionale di Statistica e Geografia (INEGI) e il Segretariato esecutivo del Sistema Pubblico di Sicurezza Nazionale (centrali elettro-nucleari), negli ultimi dieci anni c’è stato un «aumento della violenza diretta» e riduzione del 27 % della pace. Il fattore principale per l’aumento della violenza è un «aumento del 37% nel tasso di omicidi dal 2007», il primo anno in carica il presidente Felipe Calderón ( 2006-2012) , che ha lanciato una lotta frontale contro la criminalità organizzata. La sua strategia ha portato all’arresto di capos importanti, ma non ha fatto nulla per ridurre i livelli di violenza durante la sua amministrazione, che si è concluso con oltre 70.000 morti». In modo ottimale, «se non ci fosse violenza in Messico, l’economia avrebbe il potenziale di migliorare fino al 27,7 %», secondo il documento PEI, che ha uffici a Sydney ( Australia) , New York ( USA) e Oxford (UK) .