Ucraina: ci servono 35 miliardi di dollari

46

UCRAINA – Kiev. 24/02/14. Mentre in Ucraina si contano ancora i morti con i giovani costantemente in piazza, il parlamento si accinge a gestire una situazione molto difficile. Le autorità ucraine vogliono ripartire e hanno fatto una stima del il volume totale di assistenza finanziaria necessaria per l’economia ucraina pari a 35 miliardi di dollari.

A fare i conti  il Ministero delle Finanze e la Banca centrale, oltre al Presidente del Parlamento ucraino, Alexander Turchinov, che hanno chiesto ai partner internazionali, in particolare alla Polonia e agli Stati membri a fornire un prestito per l’Ucraina durante la settimana o le prossime due settimane.

Il ministro delle finanze, Yuri Kolobov, oggi ha chiesto che i funzionari ucraini si facessero portavoce presso gli ambasciatori dell’Unione europea e gli Stati Uniti e le istituzioni finanziarie internazionali per ottenere i finanziamenti necessari pr la ripresa.

Il ministro ha detto che Kiev propone anche una conferenza per cercare donatori internazionali, con la partecipazione dell’Unione Europea, e gli Stati Uniti, e la Polonia, e il Fondo monetario internazionale, e altri paesi e istituzioni finanziarie internazionali, ai quali chiede di assegnare aiuti finanziari per modernizzare l’economia ucraina e finanziare le riforme nel paese, nonché l’attuazione degli accordi di associazione con l’Unione europea.

La Gran Bretagna ha annunciato la sua disponibilità a fornire un sostegno finanziario per l’Ucraina. Lo ha fatto in prima persona il Ministro delle Finanze britannico George Osborne, che ha dichiarato che suo paese è pronto a fornire un sostegno finanziario per l’Ucraina attraverso programmi del FMI. In precedenza a chiedere l’intervento dell’ FMI era stato il segretario del Tesoro americano Jacob Lew che suggeriva un sostegno dopo la formazione di un governo di transizione nel paese. Il capo del parlamento ucraino Alexander Turchinov ha recentemente confermato che il compito principale del nuovo governo in Ucraina è quello di garantire la pace e la tranquillità nel paese e ricostruire l’economia.