ISRAELE. I veterani del Mossad appoggiano le proteste

136

I veterani del Mossad, il servizio di intelligence straniero israeliano, stanno scendendo in piazza per protestare contro la revisione della magistratura fatta dal governo.

La scorsa settimana, la coalizione nazionalista-religiosa del primo Ministro Benjamin Netanyahu ha approvato la prima fase della legislazione, limitando i poteri della Corte Suprema di annullare le decisioni del governo ritenute “irragionevoli”, nonostante mesi di proteste da parte di centinaia di migliaia di israeliani.

Le proteste hanno il sostegno dei riservisti nelle unità delle forze speciali d’élite e dei piloti di caccia che hanno minacciato di non presentarsi in servizio, e il dissenso si è diffuso tra gli ex membri del Mossad.

Anche alcuni agenti in servizio del Mossad si sono uniti alle proteste, cosa che hanno il permesso di fare, riporta Reuters. Stanno emergendo preoccupazioni sul morale all’interno del Mossad con alcuni all’interno dell’agenzia che considerano il pensionamento anticipato.

Il governo nega che le riforme giudiziarie mettano a repentaglio la democrazia, affermando che l’alta corte è stata “troppo interventista”. Un ex capo del Mossad, Efraim Halevy, ha detto che non ci sono segni che tale disaffezione stia influenzando le capacità vitali dell’Agenzia.

La decisione delle ex spie di prendere parte alle proteste alza la posta in gioco, toccando un’istituzione leggendaria che ha aiutato Israele a sconfiggere gli stati arabi in molti conflitti e condurre una guerra ombra contro l’Iran.

Il Mossad è stato a lungo considerato uno dei servizi di spionaggio più capaci al mondo. Ha svolto missioni spettacolari come dare la caccia ai nemici arabi attraverso l’Europa, catturare il criminale di guerra nazista Adolf Eichmann e, con agenti travestiti da istruttori di immersioni subacquee, portare gli ebrei etiopi in Israele.

Le preoccupazioni sulle capacità di deterrenza di Israele sono state notate dai nemici del paese in tutto il Medio Oriente che hanno convocato riunioni di alto livello per soppesare le turbolenze e come potrebbero trarne vantaggio.

Yossi Cohen, altro ex capo del Mossad, ha espresso, il 23 luglio sulle colonne di Yedioth Ahronoth, le sue preoccupazioni per “l’immediata sicurezza nazionale di Israele”: «In un momento in cui la minaccia iraniana incombe su di noi da più fronti, dobbiamo garantire che la sicurezza di Israele rimanga illesa», ha scritto Cohen.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/