IRLANDA DEL NORD. DUP e Sinn Fein tornano al governo insieme

187

Il Sinn Fein ha accettato di sostenere un accordo per ripristinare la condivisione dei poteri a Stormont, il parlamento nord-irlandese, una mossa che conferma il ritorno del governo decentrato in Irlanda del Nord dopo tre anni di assenza.

Dopo che il Democratic Unionist Party, Dup, ha già manifestato il suo sostegno a una bozza di accordo proposta dai governi britannico e irlandese, l’approvazione del partito repubblicano significa che i due partiti rientreranno in una coalizione, obbligatoria, a Belfast, riporta The Scotsman.

Le strutture del processo di pace prevedono che un esecutivo ministeriale possa funzionare solo con l’inclusione del più grande partito unionista e del più grande partito nazionalista della regione.

L’ampio accordo, che è stato pubblicato dai governi la scorsa settimana, contiene soluzioni di compromesso per le complesse controversie al centro dell’impasse che dura oramai da 36 mesi di condivisione del potere, come le disposizioni legislative per chi parla la lingua irlandese.

Comprende anche quello che il governo britannico ha insistito che sarà un importante pacchetto finanziario, coperto dal Tesoro, per affrontare una serie di gravi problemi che affliggono il settore pubblico che ha sofferto molto nel vuoto della governance.

Ciò include una disputa industriale di elevato livello nel servizio sanitario che la scorsa settimana ha visto gli infermieri entrare di nuovo in sciopero.

Secondo i termini dell’accordo, il nuovo esecutivo prenderà anche provvedimenti per ridurre la spirale di liste d’attesa degli ospedali, estendere i contributi per i richiedenti di prestazioni sociali colpiti dalle riforme del welfare, aumentare il numero di agenti di polizia e risolvere una disputa sindacale che coinvolge gli insegnanti.

L’ultimo governo di coalizione guidato da Dup/Sinn Fein è crollato nel gennaio 2017 per una lite su un fallito programma di energia verde.

L’Irlanda del Nord e e le relazioni con la Repubblica d’Irlanda e il Regno Unito sono state al centro dell’impasse che la Brexit ha subito fino a non molto tempo fa.

Lucia Giannini