INDO PACIFICO. Ecco cosa farà l’ufficio NATO in Giappone

285

La notizia dell’apertura di un ufficio di collegamento Nato in Giappone ha comunque suscitato un certo scalpore. Se si realizzerà, contribuirà a chiarire alcune tendenze geopolitiche riguardanti l’Alleanza e l’Indo-Pacifico.

La Nato ha già uffici di collegamento, anche al di fuori dell’area del Nord Atlantico, compresa l’Asia; si tratta di tre categorie. Gli uffici di New York e di Vienna coordinano gli affari della Nato con le principali organizzazioni multilaterali di sicurezza a cui appartengono i suoi membri, rispettivamente le Nazioni Unite e l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione, riporta la britannica Geostrategy.

Il secondo tipo di ufficio di collegamento sostiene l’attuazione dei progetti di partenariato e ha la funzione di informare i cittadini sull’Alleanza, come in Georgia dal 2010, e in Bosnia-Erzegovina e in Moldavia, dal 2017. Tali uffici contribuiscono al processo di preparazione dei Paesi a diventare membri Nato.

Il terzo tipo ha una portata regionale, ed è quello che potrebbe essere creato in Giappone. L’ufficio di Tokyo servirebbe sia le relazioni Nato-Giappone, sia i partenariati Nato nella regione; come quelli presenti in Asia Centrale, Tashkent, o nell’area del Golfo.

La Nato e il Giappone firmeranno un nuovo programma di partenariato prima del vertice alleato in Lituania del prossimo luglio. L’uso da parte di Tokyo di piattaforme multilaterali come la Nato e il G7 per rafforzare i legami tra i Paesi dell’area euro-atlantica e dell’area indo-pacifica ha acquisito maggiore importanza con la formazione, nel 2022, di un nuovo gruppo di partner indo-pacifici della Nato, comprendente Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Giappone. I capi di Stato di questi quattro Paesi indo-pacifici hanno partecipato al Vertice Nato del giugno 2022 e sono stati rappresentati anche alla ministeriale lo scorso aprile.

Oltre a discutere gli interessi comuni su questioni di importanza globale, la NATO ritiene che «il dialogo politico assicura che la NATO e i suoi partner possano migliorare la loro reciproca consapevolezza della situazione sugli sviluppi della sicurezza nelle regioni euro-atlantiche e indo-pacifiche», operando in determinati settori come il cyberspazio, le nuove tecnologie e il contrasto alla disinformazione.

In questo contesto si inserirà gran parte del lavoro dell’ufficio di collegamento per l’Asia-Pacifico a Tokyo.

È innegabile che l’apertura di un ufficio regionale di collegamento della NATO in Asia orientale sia un indicatore di cambiamento nell’ambiente della sicurezza globale. Oggi il gruppo di partenariato Indo-Pacifico è rilevante per affrontare quelle che l’Alleanza ha identificato nel suo Concetto strategico 2022 come le sfide poste dalla Repubblica Popolare Cinese «alle ambizioni dichiarate e alle politiche coercitive» agli interessi, alla sicurezza e ai valori dell’Alleanza.

Il vantaggio principale di una simile presenza è una migliore comprensione comune della situazione nella regione. Un ufficio di collegamento che lavori per tutti gli alleati nel valutare e riferire gli sviluppi della situazione può anche riuscire a ridurre alcuni dei divari di percezione tra gli alleati.

L’esposizione del Giappone alla minaccia russa è un’altra ragione per cui Tokyo è una sede adatta per l’ufficio, e aiuterà gli alleati a tenersi aggiornati sulla commistione tra le sfide della Nato e le minacce della Cina e della Russia, contribuendo anche a unire i partner della regione che condividono gli interessi euro-atlantici e offrono le risorse necessarie per rafforzare l’ordine internazionale contro le aggressioni.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/