CINA. Hotline militare con il Giappone, le divergenze rimangono

80

Pechino e Tokyo hanno concordato di approfondire il dialogo marittimo, di gestire le divergenze su Taiwan e le loro dispute territoriali e di aprire una hotline militare, il tutto in una consultazione diplomatica a pochi giorni dall’incontro dei leader dei paesi asiatici per la prima volta in tre anni.

Il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro giapponese Fumio Kishida si sono incontrati a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico, Apec, a Bangkok la scorsa settimana e hanno concordato di allentare le loro tensioni sempre più accese, riporta Scmp.

Cinesi e giapponesi hanno avuto un “ampio e approfondito” scambio di opinioni sulle loro divergenze marittime e si sono impegnati ad “attuare seriamente” l’accordo raggiunto da Xi e Kishida la scorsa settimana per costruire legami “stabili e costruttivi”, secondo un comunicato di Pechino.

L’ultima riunione a livello di dipartimento di un meccanismo bilaterale sugli affari marittimi, tenutasi il 22 novembre, ha coinvolto altre sette agenzie governative di entrambe le parti, tra cui i ministeri della Difesa, le guardie costiere e le agenzie responsabili dell’ambiente marino e dell’energia.

Pechino ha poi reso noti i diversi consensi raggiunti durante l’incontro, tra cui quello di accelerare gli sforzi per “stabilire e attivare” una linea telefonica diretta tra i due ministeri della Difesa “il prima possibile”.

Le guardie costiere di entrambe le parti coopereranno ulteriormente nella lotta ai crimini transfrontalieri in mare e aumenteranno la “cooperazione pratica” nella ricerca e nel salvataggio marittimo. Entrambe le parti combatteranno congiuntamente la pesca illegale e si occuperanno dei rifiuti marini di plastica.

La scorsa settimana Xi e Kishida si sono anche impegnati a esplorare le possibilità di cooperazione e a rafforzare la comunicazione in materia di sicurezza nel corso della loro “discussione franca e dettagliata”.

Nonostante i segnali di un ulteriore deterioramento dei legami bilaterali negli ultimi mesi, quando il Giappone ha aumentato il suo allineamento con gli Stati Uniti su Taiwan, Hong Kong, Xinjiang e altre questioni calde, i toni più caldi del previsto che entrambi i leader hanno mostrato durante l’incontro Apec hanno riacceso le speranze di una possibile distensione. Mentre Kishida ha descritto l’incontro, atteso da tempo, come “un buon inizio”, Xi ha affermato che l’importanza dei legami bilaterali non cambierà e che entrambi i Paesi dovrebbero “essere partner, non minacce” nonostante le loro differenze.

Ma le dispute territoriali, il passato bellico del Giappone e la questione di Taiwan in particolare, rimangono i principali ostacoli, anche se i due Paesi hanno cercato di aumentare l’impegno, hanno detto gli analisti.

Dopo l’incontro con Xi, Kishida ha dichiarato di aver espresso “serie preoccupazioni” per la stabilità nello Stretto di Taiwan e per l’attività militare della Cina in prossimità delle acque contese, in particolare per il lancio di missili balistici da parte della Cina in prossimità del Giappone, dopo la visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan in agosto.

I due hanno espresso il loro sostegno ai piani per l’apertura di una linea telefonica diretta come parte di un “meccanismo di collegamento marittimo e aereo” in tempi brevi.

I vertici della Difesa di entrambi i Paesi avevano concordato nel dicembre dello scorso anno di istituire una linea telefonica diretta militare entro la fine di quest’anno per prevenire possibili disguidi e scontri accidentali.

La Cina e il Giappone hanno iniziato a discutere nel 2007 sulla creazione di un meccanismo di comunicazione militare per evitare che gli scontri aerei e marittimi nell’area potessero degenerare. Parti del meccanismo sono operative dal 2018, ma non la hotline che collega i vertici militari.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW