CINA. Pechino compra più titoli del Tesoro USA

48

La Cina ha aumentato le sue partecipazioni in titoli del Tesoro statunitense nel mese di maggio, il primo in tre mesi, nonostante le crescenti tensioni e le crescenti voci di una guerra finanziaria, e non solo, tra le due maggiori economie mondiali.

La Cina ha aggiunto 10,9 miliardi di dollari di titoli del Tesoro statunitense a maggio rispetto a un mese prima, dopo aver tagliato le proprie disponibilità in ciascuno dei due mesi precedenti, secondo un rapporto pubblicato la settimana scorsa dal Dipartimento del Tesoro statunitense, riporta Scmp.

La modesta crescita è avvenuta in un momento in cui crescono i timori che gli scontri tra Pechino e Washington per la pandemia del coronavirus, la legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong e lo Xinjiang possano riversarsi nel settore finanziario.

L’ultimo acquisto cinese del debito pubblico statunitense, tuttavia, ha mostrato che Pechino non ha ancora utilizzato le sue partecipazioni di 1.000 miliardi di dollari come arma, e non è scoraggiata dalle minacce di alcuni politici di Washington, secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero rinnegare parte o la totalità del debito che hanno nei confronti della Cina come compensazione per la sua percezione iniziale di una cattiva gestione dell’epidemia di coronavirus.

L’Hong Kong Autonomy Act, firmato la settimana scorsa dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha aperto la strada ad un certo congelamento dei beni in dollari – compresi i titoli del Tesoro statunitense – detenuti dalle banche cinesi come sanzione per il loro coinvolgimento con individui e istituzioni associati alla controversa legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong.

La Cina non pubblica i dati relativi alle sue partecipazioni nel Tesoro statunitense, il che significa che la cifra del Dipartimento del Tesoro statunitense può rappresentare solo una parte dell’importo reale, in quanto si ritiene che anche Pechino utilizzi dei proxy per l’acquisto di titoli di Stato statunitensi. L’aumento delle partecipazioni della Cina nel mese di maggio potrebbe essere il risultato, in parte, di un aumento delle riserve di valuta estera del Paese dopo che il mese scorso è cresciuto di 10,23 miliardi di dollari a 3,102 trilioni di dollari, secondo i dati dell’Amministrazione statale cinese dei cambi.

Anche le riserve di valuta estera della Cina sono aumentate a giugno di 10,64 miliardi di dollari, raggiungendo i 3.112 trilioni di dollari. Complessivamente, il possesso di titoli del Tesoro statunitense da parte della Cina ammontava a 1,08 trilioni di dollari alla fine di maggio, al di sotto del livello di 1,1 trilioni di dollari alla fine di maggio 2019.

La Cina rimane il secondo maggiore detentore di titoli del debito pubblico statunitense dopo il Giappone, con 1.260 trilioni di dollari USA a fine maggio, nonostante abbia ridotto le sue partecipazioni in nove dei precedenti 13 mesi prima di maggio.

Graziella Giangiulio