CAUCASO. Zangezur contro Aras: i due corridoi azero turco armeni

89

La prima guerra del Nagorno-Karabakh interruppe il collegamento ferroviario diretto e la strada tra l’Azerbaigian e l’exclave di Nakhchivan. Per uscire dall’empasse, aggirando l’Armenia attraverso l’Iran, la via terrestre di Bileh Savar nella provincia settentrionale di Ardabil, vicino al confine iraniano e a 220 chilometri da Baku, è diventata la principale via di transito tra l’Azerbaigian e Nakhchivan, nonché la Turchia. Questo transito è strategicamente importante per l’Azerbaigian.

Tuttavia, il 10 novembre 2020, l’accordo tripartito di cessate il fuoco che ha concluso la seconda guerra del Karabakh ha stabilito che “tutti i collegamenti economici e di trasporto nella regione saranno sbloccati”, creando la speranza che i collegamenti potessero riprendere. Tuttavia, tutto è ancora fermo a causa delle continue tensioni dell’area, nonostante l’accordo del marzo 2022 tra Teheran e Baku, riporta il Caci, Central Asia and Caucasus Institute.

Dopo la presa del Nagorno-Karabakh da parte delle forze azere nel settembre 2023, Iran e Azerbaigian hanno concordato una via di transito che collegasse l’Azerbaigian occidentale con il Nakhchivan attraverso l’Iran il 9 ottobre 2023. 

Il vice primo ministro dell’Azerbaigian Shahin Mustafayev e il ministro iraniano delle strade e delle infrastrutture urbane, Mehrdad Bazrpash, ha preso parte alla cerimonia di posa della prima pietra per un ponte che collega i due paesi sul fiume Aras. Questa linea autostradale e ferroviaria di 55 chilometri attraversa la provincia iraniana dell’Azerbaigian orientale e collega il villaggio di Aghband nell’angolo sud-occidentale del distretto di Zangilan alla città di Ordubad nel Nakhchivan meridionale. Affinché l’autostrada possa raggiungere Ordubad, dovranno essere costruiti altri due ponti ferroviari e uno stradale sul fiume Aras.

Questa via di transito, chiamata Corridoio di Aras per l’Iran è un’alternativa al Corridoio Zangezur, che può anche ridurre le preoccupazioni del Paese sull’instabilità lungo il confine comune con l’Armenia. Una delle motivazioni per garantire che la costruzione iniziata di una via di transito dall’Azerbaigian a Nakhchivan attraverso l’Iran sarà completata è che ciò ridurrà l’incentivo per l’Azerbaigian a stabilire con la forza il transito attraverso l’Armenia.

Il Corridoio Aras è il risultato dell’opposizione e della resistenza dell’Iran al Corridoio Zangezur; un mezzo per ridurre la tensione con l’Azerbaigian, mantenendo l’approccio equilibrato dell’Iran nel Caucaso meridionale e rafforzando il formato 3+3. D’altra parte, alcuni esperti iraniani vedono il Corridoio Aras con cautela e dubbio e credono che la preferenza del governo azerbaigiano per esso sia temporanea e tecnica, e mirata principalmente a fare pressione sull’Armenia affinché cooperi riguardo al Corridoio Zangezur. In questa prospettiva, il Corridoio Zangezur rimane l’opzione preferita sia per Baku che per Ankara e quando verranno stabiliti collegamenti terrestri e ferroviari diretti tra l’Azerbaigian e Nakhchivan attraverso l’Armenia, Baku si ritirerà dal Corridoio Aras.

Mentre la costruzione della ferrovia e della strada nella parte azera del corridoio Zangezur sta progredendo rapidamente e dovrebbe essere completata entro la fine del 2024, le recenti dichiarazioni delle autorità azere e turche hanno rafforzato queste percezioni in Iran. 

Agli inizi di gennaio, Azerbaijan e Turchia hanno ribadito l’interesse per il corridoio Zangezur. Inoltre, il primo Ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato il progetto “Crocevia della pace” durante la conferenza internazionale “Via della seta” a Tbilisi il 26 ottobre 2023. Sulla base dei quattro principi incorporati in questo progetto, mira a migliorare la comunicazione tra Armenia, Turchia, Azerbaigian e l’Iran attraverso lo sviluppo delle infrastrutture, tra cui strade, ferrovie, condutture, cavi e linee elettriche. 

Il piano proposto dall’Armenia, che ha incontrato opposizione interna, è apparentemente un tentativo di abbandonare il corridoio Zangezur e continuare a rispettare la nona clausola dell’accordo di cessate il fuoco del Karabakh del 2020 per l’accesso al transito e il trasporto tra l’Azerbaigian e Nakhchivan. Pertanto, dal punto di vista dell’Iran e dell’Armenia, sia il progetto Crocevia della pace che il Corridoio Aras possono impedire la realizzazione del Corridoio Zangezur aprendo al contempo vie di transito e trasporto nella regione.

In questo momento, mentre Teheran e Baku hanno firmato un accordo sul Corridoio di Aras il 9 ottobre 2023, Armenia e Azerbaigian stanno adottando misure per firmare un trattato di pace dopo la fine del lungo conflitto del Nagorno-Karabakh. Il 7 dicembre i due Stati hanno rilasciato una dichiarazione congiunta inaspettata, la prima di questo genere che non portava la firma di alcun mediatore esterno. Se i due stati firmassero un trattato di pace e se si realizzasse il riconoscimento reciproco dell’integrità territoriale e l’instaurazione di relazioni diplomatiche tra Armenia, Azerbaigian e Turchia, gli attuali vantaggi del corridoio di Aras diminuirebbero. Inoltre, l’Azerbaijan sta cercando di ridurre o eliminare la dipendenza energetica e di transito dall’Iran attraverso vari progetti, sempre ammesso che Pashinyan resti al governo. 

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/